Classiche di Champions League: Real Madrid - Bayern 2-1

Il racconto dell'epica semifinale di ritorno del 2012, che potrai guardare in versione integrale su UEFA.tv.

Real Madrid e Bayern inseguono un posto nella finale di UEFA Champions League 2011/12 e rimangono sul filo per 120 minuti al Santiago Bernabéu.

GUARDA LA REPLICA INTEGRALE SU UEFA.TV

Contesto

"Siamo solo a metà", aveva commentato Franck Ribéry a UEFA.com dopo il 2-1 sul Real Madrid con un gol di Mario Gomez nelle ultime battute della semifinale di andata. Poiché la finale si giocherà a Monaco, eliminare la squadra di José Mourinho è quasi d'obbligo per il Bayern di Jupp Heynckes, ma le merengues vanno a gonfie vele in campionato e hanno vinto tutte e cinque le gare interne di UEFA Champions League della stagione, segnando 22 gol.

I protagonisti

Cinque gol classici di Arjen Robben
Cinque gol classici di Arjen Robben

Arjen Robben: scalzato dall'arrivo di Cristiano Ronaldo e Kaká, l'olandese aveva lasciato malvolentieri il Real Madrid nel 2009. Contro Mourinho, suo ex allenatore al Chelsea, l'esterno vive una serata carica di emozioni.

Cristiano Ronaldo: il portoghese, che nel 2010/11 aveva stabilito il record di gol in Liga (40), lo ha già superato mentre si prepara a riaffrontare il Bayern. Pur non essendo andato a segno in Baviera, rimane letale come non mai e, dopo l'errore al Bernabéu, trasformerà gli ultimi 24 rigori con il Real.

Manuel Neuer: approdato dallo Schalke nel 2011, Neuer dimostra ben presto la sua bravura superando il record di partite consecutive senza subire gol. Preoccupato per quanto potrebbe accadere a Madrid, studia i calci di rigore con il preparatore Toni Tapalović.

La cronaca

Cristiano Ronaldo dopo l'errore dal dischetto
Cristiano Ronaldo dopo l'errore dal dischettoAFP via Getty Images

La vittoria del Bayern all'andata viene ribaltata nei primi 15 minuti. Nonostante abbia studiato Ronaldo sui calci di rigore, Neur non riesce opporsi a quello trasformato dopo un fallo di mano in area di David Alaba. Poi, il portoghese segna il suo decimo gol stagionale in Europa su assist di Mesut Özil dopo un errore di disimpegno. Al 27', però, Robben accorcia dagli 11 metri e porta il risultato complessivo in perfetta parità.

La gara prosegue senza gol per ben 93 minuti, fino ai calci di rigore. Neuer neutralizza quelli calciati da from Ronaldo e Kaká, ma Iker Casillas ferma Toni Kroos e Philipp Lahm. Sul dischetto si presenta Sergio Ramos, che manda alle stelle, mentre Bastian Schweinsteiger trasforma il quinto e porta la sua squadra in finale.

Reazioni a caldo

Highlights di Manuel Neuer in Champions League
Highlights di Manuel Neuer in Champions League

Manuel Neuer, portiere Bayern: "Ho deciso due volte di buttarmi a destra, ma in realtà non sai mai da che parte tireranno. Ovviamente ci vuole un po' di fortuna".

José Mourinho, allenatore Madrid: "Il Bayern ha vinto, ma è stato più fortunato di noi. Ho imparato a essere contento anche per gli altri: questa è la bellezza del calcio, non sai mai quel che succederà".

Jupp Heynckes, allenatore Bayern: "Manuel Neuer è stato fantastico, ha parato due rigori e ha deviato il terzo sopra la traversa con gli occhi. L'importante è andare in finale, il resto non conta adesso. Credo che festeggerò con un buon bicchiere di vino rosso".

La stessa sera...

Non si giocano altre partite europee quel mercoledì, ma in Serie A la Juventus di Antonio Conte vince 1-0 a Cesena (condannandolo alla retrocessione) e mantiene i tre punti di vantaggio sul Milan. Kevin-Prince Boateng (fratellastro di Jérôme del Bayern) segna nell'1-0 sul campo del Genoa.

E poi?

Il cammino del Bayern verso il trionfo del 2012/13
Il cammino del Bayern verso il trionfo del 2012/13

Robben ritrova gli ex compagni del Chelsea in finale a Monaco ma vive una serata da incubo. Dopo un 1-1 ai tempi regolamentari e un suo errore dagli 11 metri ai supplementari, la gara si conclude ai rigori: Ivica Olić e Schweinsteiger sbagliano, lasciando a Didier Drogba il compito di trasformare il tiro dal dischetto decisivo. Il Bayern si riscatterà l'anno dopo battendo il Borussia Dortmund in finale a Wembley.

Il Madrid non riesce ad andare in finale di UEFA Champions League ma conclude un campionato fenomenale, conquistando il 32esimo titolo e numerosi record, tra cui quello di punti (100), di gol (121) e di miglior differenza reti (+89). Ronaldo segna 46 gol in Liga e 60 fra tutte le competizioni, primati che infrangerà nel 2014/15.

Contenuti attinenti