Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

L'Inter frena ancora, pari nel derby

Contro il Cagliari, la squadra di Conte colleziona il terzo 1-1 consecutivo e rischia di perdere ulteriore contatto dalla Juventus capolista: al vantaggio di Lautaro Martínez risponde l'ex Nainggolan. Finisce 1-1 anche Roma-Lazio.

L'Inter frena ancora, pari nel derby
L'Inter frena ancora, pari nel derby ©AFP/Getty Images

Inter-Cagliari 1-1 (Lautaro Martínez 29’; Nainggolan 78’)
L’Inter colleziona il terzo pareggio consecutivo e rischia di perdere ulteriore contatto dalla Juventus capolista, oltre ad avere sempre la Lazio alle calcagna. A San Siro, nell’anticipo dell’ora di pranzo della seconda giornata di ritorno, la squadra di Antonio Conte non va oltre l’1-1 contro il Cagliari: al vantaggio di Lautaro Martínez nel primo tempo risponde a 12 minuti dalla fine un ex Nerazzurro, Radja Nainggolan.

I sardi vanno subito vicini al gol con Giovanni Simeone, che di destro sul centro di Nahitan Nández manda alto di poco sopra la traversa. I padroni di casa passano in vantaggio con Nicolò Barella, un ex, ma il gol è annullato per fuorigioco. Conte perde per problemi fisici Milan Škriniar, sostituito da Diego Godín, ed è proprio il difensore uruguaiano a lanciare Lautaro Martínez al 23’: sulla conclusione del “Toro”, Alessio Cragno respinge con bravura di piede.

Al 29’, comunque, l’Inter passa in vantaggio. Cross dalla destra del nuovo acquisto Ashley Young e perfetto colpo di testa di Lautaro Martínez, che fa centro di testa: per l’attaccante argentino è il gol numero 11 in campionato.

Lo stesso autore del gol e Romelu Lukaku vanno vicini al raddoppio, ma si va all’intervallo - dopo una parata plastica di Samir Handanović su Paolo Faragò - con l’Inter in vantaggio di misura.

Lukaku e Stefano Sensi cercano invano il 2-0 nella ripresa, poi a dodici minuti dalla fine la squadra di Rolando Maran riesce a pareggiare: João Pedro “scippa” il pallone a Godín e scarica per Nainggolan, che calcia dopo la finta di Lucas Castro e “inchioda” l’1-1 anche grazie alla deviazione di Alessandro Bastoni.

La partita diventa emozionante, il Cagliari sfiora il vantaggio con Nández - che manca l’impatto sul cross di Simeone - e la squadra di Conte vicina al 2-1 con Lukaku. La partita finisce però in pareggio, con la beffa per i padroni di casa dell’espulsione di Lautaro Martínez in pieno recupero. I Nerazzurri restano secondi, con tre punti di ritardo dalla Juventus - in campo alle 20.45 contro il Napoli - e altrettanti di vantaggio sulla Lazio, che però al momento ha due partite in meno.

Roma-Lazio 1-1 (Džeko 26’; Acerbi 34’)
Il derby della Capitale finisce senza vincitori né vinti. Allo Stadio Olimpico, Roma e Lazio pareggiano 1-1, un risultato che interrompe la striscia di undici vittorie consecutive dei Biancocelesti ma che li lascia potenzialmente al secondo posto: in una stracittadina decisa dagli errori dei portieri, al vantaggio realizzato da Edin Džeko risponde dopo pochi minuti Francesco Acerbi. 

La squadra di Paulo Fonseca, che lascia in panchina Alessandro Florenzi e Aleksandar Kolarov, sblocca il risultato al 26’. Sul lancio lungo di Bryan Cristante, Thomas Strakosha esce ma Džeko lo anticipa e mette nel sacco, firmando il nono gol in campionato.

Il pareggio arriva dopo sette minuti. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, battuto da Luis Alberto, Pau López prova a respingere di pugno, ma di fatto tiene il pallone in gioco: Chris Smalling prova invano a spazzare, da due passi Acerbi mette nel sacco l’1-1.

I Giallorossi colpisco un palo con Lorenzo Pellegrini, poi nella ripresa l’arbitro Calvarese prima concede un rigore alla Roma poi lo revoca dopo aver consultato il VAR. La squadra di Fonseca ha un’altra grande chance con Džeko, fermato alla grande da Strakosha, poi Sergej Milinković-Savić va vicinissimo al bersaglio con una conclusione dal limite dell’area dopo una ripartenza.

Il derby della Capitale finisce 1-1, come all’andata.

In alto