UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Nolito l'arma in più della Spagna

La vittoria contro la Turchia ha messo in evidenza l'utilità e il grande lavoro di Nolito, che insieme ad Álvaro Morata è il giocatore simbolo delle nuove Furie Rosse.

Morata si gode il successo
Morata si gode il successo

La Spagna è ovviamente in festa dopo il 3-0 sulla Turchia e la qualificazione agli ottavi dopo appena due giornate, ma molti indizi e statistiche suggeriscono che il suo calcio è quanto mai scoppiettante ed efficace.

Prendiamo ad esempio Vicente del Bosque. Il Ct non ha mai esitato sulla formazione, con Nolito sulla sinistra e Álvaro Morata al centro, neanche dopo una gara d'esordio buona ma non eccezionale. A questo proposito, i tifosi e i media avevano qualche dubbio.

Tutti si domandavano "Nolito è all'altezza di Andrés Iniesta e David Silva nel far girare il pallone?" oppure "Morata segna abbastanza?".

A questo proposito, Del Bosque è stato assolutamente chiaro perché conosceva il valore di un calciatore vecchia scuola, che vive per tormentare i terzini, e che gioca anche "a piedi invertiti", cioè sulla fascia opposta al suo piede naturale.

Morata: una prestazione quasi completa
Morata: una prestazione quasi completa

Basta guardare il laterale di difesa turco e il suo dilemma in occasione del primo gol. Arda Turan non segue Jordi Alba e lascia Gökhan Gönül completamente solo. In una situazione di due contro uno, Alba si allarga e Nolito si accentra.

L'esterno del Celta Vigo ha il tempo di ricevere il pallone da Alba, portarselo dal sinistro al destro e servire Morata in una posizione simile a quella del gol di Piqué di lunedì. Nolito attaca i giocatori, li fa girare e, accentrandosi, li porta fuori posizione: è quanto accade a Gökhan Gönül prima della sovrapposizione di Alba e dell'assist per Morata sul 3-0.

Il giocatore è diretto, insidioso, tira appena può e finora ha contribuito a tre reti. Grande merito al tecnico per aver capito che poteva essere una risposta parziale all'assenza di Fernando Torres e David Villa.

Nolito ha segnato cinque gol nelle ultime cinque partite della Spagna, Morata quattro su tre, ma c'è molto di più. Prima della gara, Del Bosque ha dichiarato: "Comunque vada contro la Turchia, loro continueranno a inseguirci". L'apparente presuzione nasconde un dato: il lavoro del suo assistente Toni Grande e dall'analista Antolín Gonzalo è stato calibrato al millimetro. Del Bosque pensava sicuramente di vincere, sapeva che la sua squadra aveva lavorato di più e che avrebbe spostato la palla velocemente per cercare spazi.

La Spagna, i giocatori e anche lo staff tecnico hanno spiccato il volo e continuano a puntare sempre più in alto. Attenta Europa.