Torres e Mata nel club più bello

Torres e  Mata sono subentrati dalla panchina riuscendo a trovare la rete nella finale vinta dalla Spagna contro l'Italia; ora fanno parte del ristretto numero di giocatori ad aver giocato finali vinte di Coppa dei Campioni e EURO nella stessa stagione.

Torres e Mata nel club più bello
Torres e Mata nel club più bello ©AFP/Getty Images

Il trionfo a UEFA EURO 2012 ha permesso a Fernando Torres e Juan Mata di entrare a far parte delle stretta cerchia di giocatori in grado di laurearsi campioni d’Europa nella stessa stagione sia a livello di club che di nazionale: e questo scendendo in campo in entrambe le finali.

Oltre a liquidare l’Italia nella finale di Kiev, i due spagnoli del Chelsea FC hanno vinto a maggio la UEFA Champions League contro l’FC Bayern München. Come a Monaco, Torres è entrato a finale in corso ma è comunque riuscito a diventare il primo giocatore a trovare la rete in due finali diverse di EURO dato che ha segnato il terzo gol nella gara vinta 4-0.

Torres è stato anche il miglior marcatore della Spagna in Polonia e Ucraina, segnando tre gol. "Ho vinto i miei primi titoli a livello di club in questa stagione, la FA Cup e la Champions League", ha detto il 28enne. "Ora ho anche EURO, che va oltre ogni mia aspettativa".

Mata è subentrato all'87' segnando la quarta rete solo un minuto più tardi - il modo migliore per marcare la sua prima presenza al torneo. Il successo della coppia significa che sono ora tre gli spagnoli ad aver raggiunto il traguardo - il primo fu Luis Suárez, che dopo aver vinto con l’FC Internazionale Milano la finale di Coppa dei Campioni contro il Real Madrid CF, trionfò a UEFA EURO 1964 con la maglia delle Furie Rosse. 

Ventiquattro anni dopo toccò poi a Hans van Breukelen, Ronald Koeman, Barry van Aerle e Gerald Vanenburg aiutare l’Olanda a battere l’URSS nella finale di UEFA EURO 1988, poco dopo aver trionfato a livello di club nelle fila del PSV Eindhoven contro l’SL Benfica. Quello stesso anno Wim Kieft vinse in campo la finale di Coppa dei Campioni con il PSV, ma non venne utilizzato dall’Olanda nella finale di Monaco di Baviera.

Lo stesso accadde a Nicolas Anelka, che nel 2000 vinse la UEFA Champions League con il Real Madrid, senza però scendere in campo nel trionfo della Francia in finale di UEFA EURO 2000 contro l’Italia. In quell’occasione, il suo compagno Christian Karembeu seguì dalla panchina entrambe le partite.

Dieci giocatori hanno vinto il titolo di Campione d’Europa a livello di club e perso invece quello a livello di nazionale durante la stessa stagione: si tratta di Sepp Maier, Hans-Georg Schwarzenbeck, Franz Beckenbauer e Uli Hoeness (1976, FC Bayern München e Germania Ovest) e Ricardo Carvalho, Nuno Valente, Costinha, Maniche, Deco e Paulo Ferreira (2004, FC Porto e Portogallo).

Contenuti attinenti