UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il Birmingham ci crede

Aoife Mannion pensa che il Birmingham poteva anche vincere dopo aver fermato il Tyresö sullo 0-0. Il pari va bene alle svedesi in vista del ritorno in casa.

Il Birmingham ci crede
Il Birmingham ci crede ©Ville Vuorinen/Digitalsport.org

David Parker, manager Birmingham
E’ stato un pareggio sudato e meritato. Non subire reti era fondamentale per noi, non volevamo subire gol in trasferta. Volevamo anche giocare il ritorno in vantaggio, ma quello significa essere ingordi. Ci è mancato solo il gol oggi, ma negli ultimo 30 minuti la squadra è cresciuta dimostrando di poter segnare in Svezia.

Nell’ultima mezz’ora siamo stati la squadra migliore. Nel primo tempo forse eravamo troppo nervose. Per fortuna siamo andati all’intervallo sullo 0-0 e ho potuto riorganizzare e incoraggiare le ragazze. Adesso la fiducia c’è. Sappiamo di poter segnare in casa loro, sapendo che in trasferta un gol varrebbe doppio, e per come ci difendiamo non è facile segnare due gol contro di noi.

Aoife Mannion, difensore Birmingham
E’ un ottimo risultato per l’andata in casa. Non abbiamo subito reti e adesso speriamo di completare il lavoro in trasferta. Forse abbiamo pensato troppo a chi stavamo affrontando, i nomi sulle loro magliette. Sapevo di affrontare giocatrici come Marta e Christen Press, entrambe a segno tre volte nell’andata dei quarti. Ma poi pian piano ci siamo calmate e abbiamo fatto bene. Abbiamo anche avuto delle occasioni per segnare.

E’ una bella esperienza giocare contro le migliori calciatrici al mondo, ma credo che abbiamo fatto tutte bene in difesa. E’ un peccato perdere Harrop [squalificata per il ritorno] ma sono certa che chi sarà chiamata a sostituirla, farà altrettanto bene. Sapevamo bene cosa fare in campo, del resto il Tyresö gioca un calcio molto diverso rispetto a quello a cui siamo abituate nella Women's Super League.

Tony Gustavsson, allenatore Tyresö
Prima di tutto è stato un bello 0-0, se si può dire così. Si sono sfidate due squadre molto brave a neutralizzare i rispettivi attacchi. Ci sono state un paio di occasioni per squadra, ci potevano essere dei gol, ma alla fine il pari è giusto.

Ancora una volta un applauso va al nostro staff medico, che ha fatto un ottimo lavoro per fare giocare tutte. Nella ripresa si poteva vedere che erano un po’ stanche. Le ragazze si sono allenate duramente in questi giorni e negli ultimi dieci minuti le energie erano finite.

Line Røddik, difensore Tyresö
E’ stata una buona partita. Ovviamente volevamo vincere, ma volevamo anche non subire gol. Ci aspettavamo di affrontare una squadra molto fisica ed è stato così.. Siamo andate vicino al gol, ma sono certa che segneremo in casa. Non vediamo l’ora di giocare in casa, sulla nostra superficie artificiale. Siamo abituate ad allenarci e giocare lì anche se il campo di oggi era comunque molto bello.