UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Gioia 'indescrivibile' per Pugliese

Il centrocampista Mario Pugliese parla con UEFA.com dopo aver segnato in pieno recupero il gol che ha permesso agli Azzurrini di battere l'Ucraina e qualificarsi per i Mondiali di categoria: "Ma adesso piedi per terra".

Mario Pugliese (Italia)
Mario Pugliese (Italia) ©Sportsfile

Vicino alle lacrime quando ha segnato il gol della vittoria in pieno recupero contro l’Ucraina, Mario Pugliese pensa già alla sfida conclusiva del Gruppo B contro la Russia che mette in palio la semifinale degli Europei UEFA Under 17.

La vittoria ha regalato agli Azzurrini la qualificazione ai prossimi Mondiali FIFA di categoria, ma il centrocampista dell’Atalanta BC spera di arrivare in fondo anche nel torneo in Slovacchia.

UEFA.com: Come avete festeggiato la vittoria contro l’Ucraina?

Mario Pugliese: E’ stata una gioia immensa, segnare all’ultimo minuto e qualificarsi per i Mondiali, oltre ad avere ancora la chance di vincere qui. Abbiamo lavorato duramente per due anni per questo obiettivo e adesso siamo ovviamente soddisfatti.

UEFA.com: Com’è è stato segnare il gol decisivo?

Pugliese: Era anche il mio primo gol con la nazionale, quindi è stata una grande gioia. Stavo per piangere. Però me lo sentivo che avremmo vinto. So che siamo una squadra che odia perdere e anche in passato ci sono riuscite delle belle rimonte. Ci era capitato anche di trovarci sotto 2-0 e vincere 3-2. Non molliamo mai. Ad un certo punto ho capito che avremmo vinto questa partita.

UEFA.com: Cosa hai pensato quando hai ricevuto il pallone davanti alla porta?

Pugliese: Mi sono spinto davanti per puro istinto. Non ho sentito molto la pressione, sapevo bene cosa fare anche se sono un centrocampista e non mi ritrovo spesso davanti alla porta. E’ il momento più bello della mia carriera.

UEFA.com: Vi siete qualificati per i Mondiali, quali sono adesso i vostri obiettivi?.

Pugliese: Adesso pensiamo a raggiungere la finale, personalmente credo che abbiamo buone chance qui.

UEFA.com: Lo 0-0 contro la Russia potrebbe non bastare per la qualificazione. Cambierà il vostro approccio alla partita?

Pugliese: Credo che dovremo scendere in campo per vincere, anche per finire primi nel girone e affrontare la seconda dell’altro: di sicuro sarà comunque una squadra molto forte, ma comunque battibile. Psicologicamente se pensi solo a non subire gol, o a difenderti dopo averne segnato uno, rischi di perdere la concentrazione. Dobbiamo solo pensare a vincere.

UEFA.com: I nuovi entrati Gennaro Tutino, Luca Vido e Vittorio Parigini hanno avuto un grande impatto dopo il loro ingresso in campo…

Pugliese: Il tecnico ha indovinato tutti i cambi, perché tutti e tre hanno avuto un grande impatto sulla partita. Sono entrati giocatori votati all’attacco perché non avevamo più niente da perdere. All’inizio avevamo fatto fatica, ma nella ripresa siamo andati molto meglio anche perché loro sono un po’ calati a livello fisico. E comunque i tre nuovi entrati hanno fatto la differenza.

UEFA.com: Come è cambiata l’atmosfera nello spogliatoio dopo questo successo?

Pugliese: Contro la Croazia credo che eravamo un po’ nervosi, visto che era la nostra prima esperienza a un torneo internazionale. Personalmente ero molto teso e credo che tutta la squadra lo fosse. Contro l’Ucraina eravamo comunque tesi, ma si è trasformata in tensione positiva, eravamo molto carichi.

UEFA.com: E dopo la partita?

Pugliese: La gioia! Indescrivibile, fantastica. Però siamo già tornati con i piedi per terra. Abbiamo fatto una riunione e il mister ci ha ricordato che non abbiamo fatto ancora nulla.