UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La grande vigilia di Olanda e Germania

In vista della finale di domenica il Ct olandese Stuivenberg si aspetta "tensione tra i giocatori" mentre Freund crede che a decidere la sfida tra due squadre che si conoscono bene "saranno i dettagli".

Albert Stuivenberg (Olanda) & Steffen Freund (Germania)
Albert Stuivenberg (Olanda) & Steffen Freund (Germania) ©Sportsfile

Con una vittoria a testa nei due precedenti stagionali, Olanda e Germania si ritrovano una terza volta domenica a Novi Sad con il titolo europeo Under 17 in palio.

Le squadre di Albert Stuivenberg e Steffen Freund si sono sfidate a settembre in un torneo, e in quell'occasione la Germania si è imposta per 2-1 in casa. L'Olanda si è però presa la rivincita con un 2-0 nel Gruppo B la scorsa settimana. La Germania si è poi qualificata per poi battere la Danimarca in semifinale nonostante la squalifica di ben quattro giocatori. Gli arancioni si sono invece qualificati per la terza finale nella competizione battendo l'Inghilterra 1-0.

"Non ci saranno sorprese, credo che sappiamo già chi giocherà e chi entrerà dalla panchina - ha detto Freund, ben felice di ritrovare in squadra Mitchell Weiser, Nico Perrey, Fabian Schnellhardt e Samed Yesil -. Sappiamo entrambi come giocano le due squadre. I dettagli faranno la differenza. Sono due squadre dello stesso livello ma con caratteristiche diverse".

Stuivenberg, che allenava anche l'Olanda sconfitta 2-1 ai supplementari dalla Germania nella finale del 2009, è sostanzialmente d'accordo con Freund sul fatto che non ci siano segreti. "Siamo felici di giocarci un'altra finale, era il nostro obiettivo - ha detto -.  Non vediamo l'ora di giocare. Sarà molto interessante, specialmente perché ci siamo già sfidati nella fase a gironi".

"Credo che sarà una partita davvero diversa – ha spiegato -. Non si possono fare previsioni, è una finale e la tensione potrebbe pesare. Spero venga tanta gente a vedere una bella partita di calcio giovanile, uno spot che il calcio a livello di Under 17 merita".

La partita sarà anche in diretta su Eurosport. "Sarà una giornata speciale - ha ammesso Freund -. Sono felice per i ragazzi. E' davvero speciale per questi giovani, saranno sostenuti dall'intera Germania. Ci sono stati molti telespettatori inchiodati davanti alla TV, quindi i loro nomi iniziano ad essere molto conosciuti in Germania, e così le loro facce".

Vincitore di EURO '96 da giocatore, Freund rivela che l'approccio sarà diverso rispetto alla semifinale contro la Danimarca. "La squadra danese era reduce dalla fase a gironi perfetta - ha spiegato -. Ecco perché abbiamo iniziato la partita difendendoci e ha funzionato. Quella di domani è una partita completamente diversa. So che abbiamo già perso contro l'Olanda ma domani è un altro giorno".

Stuivenberg, la cui squadra non subisce gol da sei partite, chiede invece un ultimo sforzo. "Dobbiamo concentrarci solo sulla parola 'squadra' – ha detto -. I giocatori sanno benissimo che il gioco si divide in fase difensiva, offensiva e nelle transizioni. Ognuna di queste fasi si può svolgere bene solo lavorando tutti insieme. Ognuno ha il suo compito. Non esiste un singolo più importante della squadra. Questa è stata la nostra forza finora".

Kristo Tohver (Estonia) dirigerà la finale, assistito da Vencel Tóth (Ungheria) e Giorgi Kruashvili (Georgia), mentre il quarto uomo sarà Sébastien Delferière. Questa settimana Tohver ha parlato con UEFA.com.