UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Guidolin fa scudo sull'Udinese

Il tecnico dei Friulani si addossa tutte le responsabilità dopo l'eliminazione contro lo Slovan Liberec, la terza consecutiva in uno spareggio europeo: "E' colpa mia". Per il goleador Lazzari la squadra bianconera "ha lottato".

Guidolin fa scudo sull'Udinese
Guidolin fa scudo sull'Udinese ©Getty Images

Voltare pagina. E’ quello che vuole fare rapidamente l’Udinese Calcio, dopo aver fallito la qualificazione alla fase a gironi di UEFA Europa League al termine della doppia sfida contro i cechi dell’FC Slovan Liberec. L’1-1 nel ritorno degli spareggi non è bastata, nell’economia dei 180 minuti ha pesato come un macigno il ko casalingo (1-3) di giovedì scorso a Trieste. Al termine della sfida del Stadion u Nisy, Francesco Guidolin difende i suoi ragazzi – alla terza eliminazione consecutiva in uno spareggio europeo – e si addossa tutte le responsabilità.

“Dal punto di vista della generosità abbiamo buttato sul campo tutto quello che avevamo: non è qui che abbiamo perso la qualificazione, ma all'andata”, spiega a fine gara sul sito ufficiale della società, “Ce la siamo giocata anche qui, ma loro fisicamente erano avanti a noi. E' colpa mia l'eliminazione”.

I rimpianti per la gara del Nereo Rocco non si sono affievoliti. “All'andata dovevo interpretare la gara come hanno fatto loro e accontentarmi del pareggio”, ammette, “Purtroppo ho voluto vincere la partita e abbiamo solo colpito legni e sciupato occasioni. Probabilmente sarebbe stato più saggio difendere l'1-1, una volta raggiunto, e presentarsi a Liberec con il pareggio. Questa sera non meritavamo più di un pareggio, ma perdendo l'andata abbiamo fatto il gioco loro, perché loro si sono arroccati e ci hanno soffocato, non potendo noi per caratteristiche alzare la palla”.

Il tecnico di Castelfranco Veneto risponde a chi punta il dito contro i suoi giocatori. “Sul piano dell'impegno non ho nulla da dire alla squadra”, spiega Guidolin, “Avrei preferito giocare questa partita contro uno Slovan costretto a segnare, in quel caso avremmo potuto far nostra la qualificazione…Ho già detto prima della partita contro la [S.S.] Lazio che quello che voglio io è l'atteggiamento da provinciale e il coltello tra i denti, siamo una squadra che ha bisogno di avere questo atteggiamento. Ora tuffiamoci nel campionato, resta l'obiettivo principale".

Anche Andrea Lazzari, autore del gol del pareggio che alla fine non è servito a nulla, è in sintonia con il suo tecnico. "Secondo me tutta la squadra ha lottato fino alla fine”, la sua analisi, “Abbiamo provato a fare gol fino alla fine, ma purtroppo abbiamo pagato a caro prezzo la gara d'andata, nella quale comunque abbiamo creato di più. Oggi è stato difficile perché loro si sono chiusi dietro e non abbiamo trovato spazi”.