Stella del 2014: Dominic Solanke

I gol in due finali, l'esordio nel Chelsea e il titolo di capocannoniere nella fase a gironi di UEFA Youth League: il 2014 è un anno che Dominic Solanke non dimenticherà mai.

Stella del 2014: Dominic Solanke
©UEFA.com

Il 2014 è un anno che Dominic Solanke non dimenticherà mai. L'attaccante del Chelsea FC ha segnato nelle vittoriose finali a livello di club e in nazionale e, un mese dopo aver firmato il primo contratto con la squadra che rappresentava dall'età di sette anni, ha esordito in UEFA Champions League. Inoltre, è stato il capocannoniere della fase a gironi di UEFA Youth League grazie alla tripletta all'ultima giornata contro lo Sporting Clube de Portugal.

FA Youth Cup
Il Chelsea ha perso la finale di andata di FA Youth Cup contro il Fulham FC per 3-2. Nel ritorno a Stamford Bridge, a meno di un quarto d'ora dalla fine, i Blues erano di nuovo in svantaggio per 3-2, ma Isak Ssewankambo ha firmato il gol del pari e Solanke quello del 4-3. Nel recupero, il giocatore ha raccolto un colpo di tacco di Charlie Colkett in area e ha fatto partire un sinistro che ha suggellato la vittoria alla squadra londinese.

Il successo in nazionale
Quattro presenze e quattro gol: il Campionato Europeo Under 17 UEFA ha confermato le doti da predatore di Solanke. Dopo aver iniziato il torneo da trequartista, il giocatore è stato schierato come punta centrale per sostituire l'infortunato Adam Armstrong, andando in gol in finale prima del successo ai rigori contro l'Olanda. "Vincere con la nazionale è fantastico, è un sogno per qualsiasi ragazzo", ha dichiarato a UEFA.com Solanke, capocannoniere a pari merito nel torneo.

Il contratto con il Chelsea
Solanke si è allenato con la prima squadra durante la tournée precampionato, entrando contro Wolfsberger AC, NK Olimpija Ljubljana e Vitesse. Ben presto è arrivato il suo primo contratto da professionista.

L'esordio in prima squadra
I risultati di Solanke con le giovanili del Chelsea, sommati all'assenza di Diego Costa per infortunio, hanno convinto José Mourinho a convocarlo per la gara di Premier League del 18 ottobre vinta 2-1 contro il Crystal Palace FC. Pur rimanendo in panchina a Selhurst Park, Solanke non ha dovuto attendere molto l'esordio.

Tre giorni dopo, e con il Chelsea in vantaggio di quattro gol contro l'NK Maribor (risultato finale: 6-0), Solanke ha realizzato il suo sogno entrando al posto di Oscar negli ultimi 17 minuti. "Sono al settimo cielo - ha dichiarato Solanke a Chelsea TV -. L'altro giorno stavo quasi per entrare, ma farlo a Stamford Bridge è ancora più bello".

UEFA Youth League
Prima dell'ultima giornata contro lo Sporting, Solanke aveva realizzato quattro gol e si trovava a due lunghezze dai capocannonieri, ma grazie a una tripletta nella gara vinta 6-0 è riuscito ad andare al comando. I sette gol in poco più di quattro partite la dicono lunga sulle sue qualità.

Lui dice
"Mi piace prendere palla e avanzare, ma a volte parto da dietro e cerco di alternare un po' il mio gioco, per non dare punti di riferimento ai difensori. Al Chelsea ci sono tanti campioni: basta continuare a lavorare e prima o poi arriverà il tuo momento".
Intervista sul sito ufficiale del Chelsea a ottobre 2014

Dominic Solanke entra per Oscar
Dominic Solanke entra per Oscar©Getty Images

Dicono di lui
"Per lui era la situazione perfetta; forse aveva le gambe molli e il cuore gli andava all'impazzata, ma è una serata che non dimenticherà mai. Di sicuro giocherà tante partite di Champions League perché è un bravo attaccante."
José Mourinho, allenatore del Chelsea

In alto