UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Freund ringrazia la sorte, Frank esce a testa alta

"Siamo stati fortunati oggi", ha ammesso il Ct tedesco dopo il successo in semifinale contro la Danimarca, il cui tecnico si è detto è orgoglioso della squadra nonostante l'eliminazione.

Koray Günter (Germania)
Koray Günter (Germania) ©Sportsfile

Steffen Freund e Thomas Frank hanno concordato sul fatto che sono stati i dettagli a decidere la semifinale dei Campionati Europei UEFA Under 17 tra Danimarca e Germania, conclusasi 2-0 a favore dei tedeschi. Priva di ben quattro elementi per squalifica, la Germania si è imposta grazie ai gol di Kaan Ayhan e Nils Quaschner a Novi Sad e Freund ha elogiato i suoi ragazzi per la capacità di dare il massimo nonostante la difficoltà del momento. Frank, da parte sua, si è consolato pensando alla Coppa del Mondo FIFA Under 17 in Messico, a cui prenderà parte con la Danimarca il mese prossimo. 

Steffen Freund, Ct Germania
Sono molto soddisfatto, ma prima di tutto voglio fare i complimenti ai nostri avversari per l'ottimo primo tempo. La Danimarca gioca un grande calcio ed è una squadra difficilissima da affrontare. Fortunatamente per noi, nel primo tempo i nostri avversari non hanno creato molte occasioni; se avessero segnato, non so se saremmo stati in grado di ribaltare il risultato.

Nella ripresa abbiamo segnato noi ed è semplicemente questo che ha fatto la differenza. Complimenti ai nostri avversari, se la fortuna non ci avesse aiutati, forse i ruoli sarebbero invertiti ora. Nel calcio, del resto, la fortuna gioca sempre un ruolo importante.

Abbiamo sempre creduto di poter vincere. E' nelle situazioni difficili che bisogna compattarsi e dare il massimo. Sapevamo che non sarebbe stato facile, la Danimarca aveva ottenuto tre vittorie in precedenza ed era sicura delle sue qualità, ma quando ci si ritrova ad inseguire, tutto diventa più difficile.

Thomas Frank, Ct Danimarca
Sto vivendo questo momento da due punti di vista diversi. Da un lato sono molto dispiaciuto, dall'altro mi sento orgoglioso di essere Danese. Siamo stati la squadra migliore in campo e abbiamo dominato, normalmente questo non succede quando affrontiamo la Germania. Sono orgoglioso della prestazione e dei miei giocatori, ma in una semifinale sono le piccole cose a fare la differenza.

Purtroppo la fortuna non ci ha aiutati. Auguro il meglio alla Germania, ma credo di poter dire che siamo stati la squadra migliore del torneo. Credo che questa per noi sarebbe stata l'occasione ideale per approdare in finale.

Speriamo che i successi arrivino presto in futuro [alla coppa del Mondo]! Avremo buone possibilità a mio parere, perché crediamo in noi stessi. Non c'è squadra al mondo che dobbiamo temere".