Il Barcellona torna in vetta

Il Barcellona ha vinto la UEFA Youth League per la seconda volta, battendo agilmente il Chelsea in finale.

Il Barcellona torna in vetta
©Getty Images

Vincitore cinque anni fa dell'edizione inaugurale della competizione, il Barcellona si è aggiudicato il suo secondo titolo dopo un avvincente fase finale conclusasi nel fine settimana al Colovray Stadium. Al torneo di questa stagione hanno partecipato 43 nazioni diverse - tre in più del 2016/17.

Famosa per lo stile di gioco votato all'attacco, la squadra di Francisco García Pimienta ha subito un solo gol prima di approdare alla Final Four, eliminando nella fase a eliminazione diretta in maniera eclatante sia PSG che Atlético Madrid senza subire nemmeno un gol.

Se queste vittorie sono state semplici e nette, la semifinale di Nyon contro il Manchester City è stata tutt'altro che una passeggiata. Carles Pérez e Alex Collado hanno portato per due volte in vantaggio il Barça con Joel Latibeaudiere e Lukas Nmecha autori dei gol del pari in entrambe le occasioni. Una splendida punizione di Ricard Puig ha poi riportato i catalani sopra per 3-2 e altre due reti in due minuti di Pérez e Alejandro Marquéz prima della fine del primo tempo sembravano aver blindato il risultato contro un City ridotto in dieci.

Highlights finale: Barcellona - Chelsea 3-0
Highlights finale: Barcellona - Chelsea 3-0

Nonostante lo svantaggio, i Citizens hanno tirato fuori l'orgoglio e con un gol dalla distanza del subentrante Rabbi Matondo sono tornati in partita. La seconda rete personale d Nmecha a cinque minuti dalla fine ha portato la gara sul 5-4 per i catalani che hanno resistito al forcing finale della squadra di Simon Davies, portando a casa il titolo.

Nell'altra semifinale, i due volte campioni del Chelsea hanno avuto la meglio ai calci di rigore sugli esordienti del Porto dopo una partita al cardiopalma. Dopo aver rimontato lo svantaggio, la formazione portoghese è andata sul 2-1 a dieci minuti dalla fine. All'86' il capitano del Chelsea, Joshua Grant, ha segnato la rete del 2-2 e ai calci di rigore la stella è stato il portiere Jamie Cumming autore di tre parate decisive che sono valse la qualificazione alla finale.

La finale è stata meno complicata delle due semifinali, col Barcellona che ha dominato il Chelsea sin dalle prime battute di gioco. Alle due reti (una per tempo) di Marqués - il che significa che ha segnato nei quarti, semifinale e finale - sul finale si è aggiunto il gol del 3-0 di Abel Ruiz. La vittoria del titolo è stato un regalo di compleanno in ritardo per Collado che il giorno prima della finale aveva compiuto 19 anni.

Ethan Ampadu del Chelsea ha debuttato con il Galles
Ethan Ampadu del Chelsea ha debuttato con il Galles©Getty Images

Il successo in UEFA Youth League non si misura solo in termini di medaglie però. Nel contesto di un torneo studiato per ridurre il divario tra squadre giovanili e prime squadre, è incoraggiante il fatto che nove giocatori abbiano partecipato sia alla UEFA Youth League che alla UEFA Champions League (dalla fase a gironi alla finale) nel 2017/18.*

Phil Foden e Brahim Díaz del Manchester City non hanno potuto essere schierati nelle semifinali di UEFA Youth League, avendo già disputato tre partite di UEFA Champions League. Diogo Dalot del Porto ha debuttato in UEFA Champions League nello 0-0 degli ottavi di finale contro il Liverpool, Ethan Ampadu del Chelsea – che ha debuttato in UEFA Youth League a settembre, due giorni prima del suo 17esimo compleanno – ha debuttato nella nazionale maggiore del Galles a novembre e in Premier League il mese successivo.

*Giocatori che hanno giocato sia in UEFA Youth League che in UEFA Champions League nel 2017/18 (dalla fase a gironi alla finale)
Fabrizio Caligara (Juventus)
Diogo Dalot (Porto)
Brahim Díaz (Manchester City)
Phil Foden (Manchester City)
Alexander Isak (Dortmund)
Khetag Khosonov (CSKA Moskva)
Tyrell Malacia (Feyenoord)
Kazaiah Sterling (Tottenham Hotspur)
Dylan Vente (Feyenoord)

In alto