UEFA Europa League: spunti di riflessione

Il Siviglia è ormai di casa, il Dnipro fa i conti con la storia, il ritorno di Super Mario, la possibile tripletta di Rafael Benítez e le speranze dei vinti.

Ritorno quarti UEFA Europa League ©AFP/Getty Images

Il Siviglia se non soffre non si diverte
La UEFA Europa League fa da sempre venire fuori il meglio del Sevilla FC, come dimostrano i tre titoli negli ultimi nove anni. Eppure la strada è stata sempre costellata di difficoltà, non è stata mai in discesa. Nel 2006 è servita una rete di Puerta nei tempi supplementari per superare in semifinale l'FC Schalke 04 fuori casa; l'anno successivo a cadere negli ottavi di finale, ancora una volta ai supplementari, è l'FC Shakhtar Donetsk, mentre la finale viene decisa dai calci di rigore.

Nella passata stagione, in semifinale, il Siviglia vince l'andata in casa per 2-0 ma subisce una clamorosa rimonta in casa del Valencia CF. Il colpo di testa del camerunense Stéphane Mbia al 94esimo minuto ammutolisce il Mestalla e porta in finale gli andalusi. In questa stagione, invece, le cose sono state leggermente più facili. Dopo il 2-1 dell'andata dei quarti di finale in Spagna, l'FC Zenit nel ritorno in casa ha fatto spaventare il Siviglia pareggiando il computo dei gol complessivi, ma la rete di Kevin Gameiro ha evitato i supplementari garantendo un posto tra le migliori quattro di UEFA Europa League al Siviglia.

Siviglia - Zenit 2-2
Mbia, il Siviglia fa festa in extremis

Il Dnipro è qui con merito 
Myron Markevych aveva detto ai suoi giocatori che non voleva arrivare ai calci di rigore, e così Yevhen Shakhov, nella sfida di ritorno a Kiev, all'82esimo minuto segna la rete decisiva per l'FC Dnipro Dnipropetrovsk che permette di battere il Club Brugge KV e regala una storica qualificazione agli ucraini, che accedono per la prima volta nella loro storia in semifinale di una competizione europea. "In pochi credevano che saremmo arrivati sin qui", ha raccontato il centrocampista Valeriy Fedorchuk. I prossimi avversari dell'SSC Napoli non devono fare l'errore di sottovalutare la compagine ucraina, che in questa edizione ha già eliminato squadre del calibro di AFC Ajax e Olympiacos FC.

Dnipro - Club Brugge 1-0
Squadra della settimana

Una delle occasioni sprecate dai Viola
Una delle occasioni sprecate dai Viola©AFP/Getty Images

La Fiorentina deve essere più cinica sotto porta 
C'è stato un attimo in cui, verso la fine della partita dell'Artemio Franchi, tutti si sono chiesti se l'FC Dynamo Kyiv, in dieci uomini dal 40esimo del primo tempo, sarebbe riuscita a segnare la rete del pari che avrebbe portato la partita ai tempi supplementari. La Fiorentina ha calciato in porta ben 25 volte contro le quattro degli ospiti, ma si è dovuto attendere sino al 25esimo per vedere gonfiarsi la rete grazie alla conclusione di Juan Manuel Vargas. Come ha ammesso il tecnico Vincenzo Montella: "Quando giochi così come abbiamo fatto noi, non dovresti soffrire fino alla fine". I Viola non si potranno permettere di essere tanto spreconi nella semifinale contro il Siviglia. Paolo Menicucci

Fiorentina - Dynamo Kyiv 2-0
Montella esalta l'anima viola

Finché c'è Super Mario… c'è speranza
Mario Gomez è diventato il quarto tedesco più prolifico di sempre in competizioni UEFA per club dopo la rete numero 40 realizzata in casa contro la Dynamo Kyiv, superando così il leggendario Karl-Heinz Rummenigge. Indubbiamente la fortuna lo ha assistito sul gol dell'1-0; il tiro di Joaquín, infatti, gli è rimbalzato sul ginocchio spiazzando il portiere e finendo in rete. "Dio voleva che segnassi in quella maniera, dato che due o tre minuti prima avevo mancato una conclusione facile in porta".

Montella, anche lui ex attaccante, non ha risparmiato gli elogi per il tedesco schierato titolare probabilmente per l'assenza di Khouma Babacar per infortunio. "È rimasto sempre positivo e si trovava lì non a caso. Non c'entra niente la fortuna". Dopo essere stato tormentato dagli infortuni dal suo arrivo alla Fiorentina nel 2013, è possibile che stia cambiando il vento per l'ex attaccante dell'FC Bayern München? I Viola indubbiamente sperano sia così. Paolo Menicucci

Fiorentina - Dynamo Kyiv 2-0
I migliori marcatori tedeschi

Benítez sogna la tripletta
Il sogno di Rafael Benítez di diventare il secondo tecnico a vincere con tre squadre diverse la Coppa UEFA/UEFA Europa League, eguagliando il record di Giovanni Trapattoni, è più vivo che mai. Superando il VfL Wolfsburg con un impressionante 6-3 complessivo, ha svelato le carte in tavola, anche se – come ribadito ieri – il suo futuro a Napoli rimane in dubbio. Nel 2004 ha lasciato il Valencia CF dopo la conquista del titolo, e lo stesso destino è avvenuto col Chelsea FC nel 2013. Sicuri che un fulmine non colpisca tre volte lo stesso posto? Paolo Menicucci

Napoli - Wolfsburg 2-2

Il Wolfsburg applaude i propri tifosi al termine della partita
Il Wolfsburg applaude i propri tifosi al termine della partita©Getty Images

Fuori dall'Europa, ma in corsa su tutti i fronti
Dynamo Kyiv, Wolfsburg, Club Brugge e Zenit sono fuori, ma non possono permettersi di entrare proprio adesso in crisi: i loro rispettivi campionati sono nella fase clou della stagione. La Dynamo ha cinque punti di vantaggio a sei partite dalla fine, e potrebbe interrompere il lungo dominio in Ucraina durato cinque anni dell'FC Shakhtar Donetsk; le due squadre si sfideranno anche in finale di Coppa nazionale.

Il Club Brugge il mese scorso ha vinto la Coppa di Belgio, primo trofeo in otto anni, e sono lanciati verso la conquista del double. Lo Zenit ha otto punti di vantaggio a sei giornate dalla fine, e potrebbe tornare a vincere il campionato dopo il 2012. In Germania, il Wolfsburg è secondo in classifica e potrebbe conquistare il miglior piazzamento degli ultimi anni dopo la vittoria in Bundesliga della stagione 2008/09. La squadra di Dieter Hecking è anche in semifinale di Coppa di Germania – trofeo mai vinto nella storia del Wolfsburg.