Continua la favola del Kukës

"Stiamo facendo la storia", ha detto il tecnico degli albanesi Armando Cungu dopo che la squadra con il coefficiente UEFA più basso ha battuto per 2-0 l'FC Metalurh Donetsk nell'andata del terzo turno preliminare.

Il Kukës festeggia
Il Kukës festeggia ©Fedja Krvavac

Per gli albanesi dell'FK Kukësi, il ranking di UEFA Europa League è solo un pezzo di carta con dei numeri.

La squadra con il coefficiente UEFA più basso tra le 58 in corsa nel terzo turno preliminare ha battuto per 2-0 l'FC Metalurh Donetsk grazie ai gol di Lucas Malacarne e Renato Malota mettendosi in buona posizione per raggiungere gli spareggi.

Il Kukës, al debutto in Europa, non ha ancora perso in cinque gare nel torneo avendo già eliminato FC Flora Tallinn e FK Sarajevo. "Stiamo facendo la storia - ha detto il tecnico Armando Cungu -. Sono contento del risultato ma c'è ancora molto lavoro da fare. Il Metalurh è forte, ma stiamo giocando bene e sono orgoglioso dei miei ragazzi".

Il Kukës è partito alla grande andando in vantaggio già al 6'. "Ne avevamo bisogno", ha detto il capitano Rahman Hallaçi. Poi è arrivata l'espulsione di Mykola Morozyuk per gli ospiti e Malota ha raddoppiato nel finale.

I padroni di casa hanno avuto bisogno anche di un Argent Halili in gran forma, il portiere si è superato su Velizar Dimitrov e Djordje Lazić. "E' stato fantastico", ha detto il centrocampista Yll Hoxha.

In caso di qualificazione la prossima settimana, potrebbero arrivare sfide con squadre del calibro di Tottenham Hotspur FC, FC Dynamo Kyiv o ACF Fiorentina. A prescindere dal risultato, la squadra albanese sta confermando la vera essenza del calcio: quando inizia una partita, ranking e coefficineti contano zero.