UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Successo amaro per il PSG

Paris Saint-Germain FC - Athletic Club 4-2
I parigini si impongono grazie a due gol nel finale, ma il contemporaneo successo del Salisburgo lie stromette dai sedicesimi di finale.

Javier Pastore esulta dopo aver firmato il gol del momentaneo 1-1 per il PSG
Javier Pastore esulta dopo aver firmato il gol del momentaneo 1-1 per il PSG ©Getty Images

Il Paris Saint-Germain FC piega l'Athletic Club grazie a due reti nel finale, ma il successo del Salzburg FC impedisce ai francesi di agganciare la seconda posizione nel Gruppo F di UEFA Europa League.

Il PSG, consapevole di dover ottenere un risultato migliore rispetto al Salisburgo, impegnato contro l'ŠK Slovan Bratislava, recupera con Javier Pastore il momentaneo svantaggio firmato Jon Aurtenetxe e chiude il primo tempo in vantaggio grazie al gol di Mathieu Bodmer. David López firma il pareggio per gli ospiti, ma nel finale la squadra di Antoine Kombouaré si riporta avanti grazie all'autorete di Íñigo Pérez e al rigore trasformato da Hoarau penalty. I festeggiamenti al fischio finale, tuttavia, si esauriscono nonappena arriva la notizia del successo del Salisburgo.

L'Athletic, già certo del primo posto finale e sceso in campo senza numerosi titolari, mette in difficoltà il PSG nelle prime battute. Dopo un'insidioso tiro-cross di Igor Gabilondo, gli ospiti passano al 3' su azione da corner, con Aurtenetxe che devia in rete di testa la parabola di López.

Lo svantaggio scuote i parigini, che si riversano in avanti trascinati dalla classe di Nenê e Pastore. Ed è proprio dalla collaborazione fra i due sudamericani che al 21' nasce il pareggio: Jean-Christophe Bahebeck fa da sponda su una punizione del brasiliano e Pastore di piatto scaraventa il pallone sotto la traversa.

La formazione spagnola continua a pungere - una conclusione di Pérez scalda le mani di Douchez alla mezz'ora - ma ormai l'inerzia della gara è nelle mani del PSG. Kevin Gameiro viene neutralizzato due volte da Raúl, poi, dopo dopo due errori di Bahebeck, al 41' arriva il raddoppio di Bodmer, su corner calciato da Nenê.

Le speranze francesi subiscono però un duro colpo nella ripresa, quando López batte Douchez dai 20 metri con una pregevole conclusione. Il PSG pesca allora risorse dalla panchina e l'ingresso di Mevlüt Erdinç e Guillaume Hoarau dona nuovo impeto ai francesi: subito dopo un rigore fallito da Nenê, Pérez devia involontariamente alle spalle del proprio portiere un traversone di Erdinç, quindi Hoarau firma il poker - che si rivelerà inutile - dal dischetto in seguito all'atterramento di Nenê.