UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Afellay continua a crederci

"Se non credi di potercela fare, allora è meglio non giocare nemmeno," ha dichiarato Ibrahim Afellay analizzando la situazione dell’Olanda in vista della gara decisiva del Gruppo B.

Afellay continua a crederci
Afellay continua a crederci ©UEFA.com

Il centrocampista olandese Ibrahim Afellay ha garantito che la sua squadra crede ancora di poter raggiungere i quarti di finale di UEFA EURO 2012.

Ma dopo due sconfitte, ai tulipani serve una mezza impresa: devono battere il Portogallo con almeno due reti di scarto e sperare che la Danimarca perda contro la Germania. L’esterno dell’FC Barcelona ha inoltre voluto ringraziare i tifosi olandesi, garantendo che lui e i suoi compagni faranno "di tutto per regalare loro una gran gioia".

UEFA.com: Che atmosfera si respira all’interno della squadra?

Afellay: Possiamo ancora qualificarci, siamo tutti molto concentrati. Sappiamo bene cosa dobbiamo fare: vincere con due gol di scarto e sperare che la Germania batta la Danimarca.

UEFA.com: Cosa ne pensi del Portogallo? Diversi suoi giocatori militano in compagini del campionato spagnolo.

Afellay: Per me il Portogallo è una grande squadra, a livello individuale hanno tanta qualità, soprattutto davanti, dove hanno giocatori forti e veloci, davvero pericolosi in zona gol. Ma anche noi in attacco non siamo niente male… Mi aspetto una sfida intensa, nessuno vuole uscire così presto: sarà una bella partita.

UEFA.com: Il vostro obiettivo immediato sono i quarti di finale. Pensate di doverlo anche ai vostri tifosi?

Afellay: Certo. Siamo dispiaciuti per le prime due sconfitte, e quindi capisco lo stato d’animo dei nostri tifosi, che ci hanno sempre supportato al massimo. Faremo di tutto per regalare loro una gran gioia.

UEFA.com: Quanto credete ancora nella qualificazione?

Afellay: Ci crediamo eccome. Se non credi di potercela fare, allora è meglio non giocare nemmeno. Nonostante le due sconfitte, siamo ancora in corsa, e questo vorrà pur dire qualcosa: forse era destino fosse così.