UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

'Mangia più banane - ti faranno bene'

Scopri come il presidente del Borussia Dortmund stempera la tensione, e l'importanza della disciplina dei calzettoni per l'FC Bayern München: UEFA.com rivive la stagione attraverso le dichiarazioni più interessanti.

'Mangia più banane - ti faranno bene'
'Mangia più banane - ti faranno bene' ©Getty Images

"Quella è stata la prima volta in vita mia che ho dovuto smettere di guardare, perché temevo il mio cuore non avrebbe retto. Mi sono chiuso in un bagno, ho tappato le orecchie e guardato l'orologio. Quando pensavo che il 94' minuto fosse passato e non avevo più sentito lo stadio tremare, allora sono uscito, ma mancava ancora un minuto. Non potevo farcela".
Il presidente del Borussia Dortmund Hans-Joachim Watzke ammette di non essere riuscito a seguire la semifinale di UEFA Champions League nella quale il Real Madrid CF ha rimontato, lasciando vuoto il suo posto accanto al Re Juan Carlos I per i meno regali gabinetti. I tedeschi hanno perso 2-0 quella sera, ma si sono qualificati con un 4-3 complessivo.

"Avrebbe potuto andare peggio."
Thomas Müller dell'FC Bayern München sorride dopo la vittoria casalinga per 4-0 contro l'FC Barcelona – il più ampio margine di vittoria mai registrato in una semifinale di UEFA Champions League.

"Io stesso ho segnato quattro gol una volta. Era nel 1990 contro l'[FC Rot-Weiss] Erfurt [ora in terza divisione]. E' uno dei più importanti traguardi personali e di certo non lo dimenticherò. Uno dei miei gol era bello come quello di Lewandowski – potete guardarlo su internet".
L'allenatore del Dortmund Jürgen Klopp scherzosamente condivide le luci della ribalta con il suo attaccante Robert Lewandowski capace di segnare quattro gol nella vittoria del Dortmund per 4-1 in semifinale contro il Real.

"Era felicissimo perché ha detto di aver bevuto molto te. Mourinho è stato incredibilmente piacevole. Ha detto di aver voluto venire a Fürth perché non voleva basarsi solo sui video".
Il presidente dell'SpVgg Greuther Fürth Helmut Hack ha ospitato José Mourinho quando il tecnico del Real ha voluto seguire il Dortmund prima della semifinale - e ha dato al portoghese cinque tipi diversi di te come regalo.

"Gli ho dato il nome del miglior calciatore di tutti i tempi, il mio idolo. Ho detto per anni a mia moglie Carolina che avrei voluto dargli quel nome. Lei non voleva, ma alla fine mi ha sorpreso e ha accettato. Spero che giocherà come il padre, perché farlo come Messi è impossibile".
L'attaccante dell'FC Internazionale Milano Antonio Cassano spiega come mai ha chiamato il figlio come l'asso del Barcellona Lionel Messi.

©AFP/Getty Images

"Non si può chiedere più di quello che ha fatto oggi. Io sono di Malaga e da sempre tifoso del Málaga anche. Quello che abbiamo visto oggi a La Rosaleda è qualcosa di unico. Questo ricordo rimarrà con noi per sempre".
Il difensore del Málaga CF Jesús Gámez emozionato dopo che la sua squadra ha raggiunto i quarti di UEFA Champions League grazie alla vittoria per 2-0 nel ritorno contro l'FC Porto.

"Ryan Giggs finirà a 50 anni".
Cristiano Ronaldo rende onore al suo ex compagno, che ha giocato la millesima partita con il Manchester United FC nella gara persa in casa 2-1 contro il Real nei quarti.

"Questa squadra ha fame e dobbiamo sempre averla perché abbiamo appena iniziato a mangiare. Ci siamo seduti a tavola appena lo scorso anno con lo Scudetto ma abbiamo appena iniziato a mangiare".
L'allenatore della Juventus Antonio Conte aveva forse saltato la cena prima della gara vinta 2-0 contro il Celtic FC nei quarti di finale?

"Ho ricevuto la commissione, ma non ho mai incontrato Mario Balotelli quindi sto lavorando sulle foto. Gli ho mandato diverse idee ma Mario voleva essere immortalato nella posa che fa dopo un gol - sottolineando i suoi muscoli e con un'espressione autorevole. Me lo sono immaginato come un atleta dei tempi antichi e la statua sarà un mix di stili classici e pop - in platino, bronzo colorato, e con occhi di pietra".
Lo scultore Livio Scarpella parla della statua a grandezza naturale dell'attaccante dell'AC Milan Mario Balotelli che dovrebbe andare nella casa di Brescia del 22enne.

"Se cercano un nuovo James Bond, non sarei affatto a disagio in quel ruolo”.


Il difensore del Manchester United FC Rio Ferdinand strizza l'occhio alla carriera di attore dopo il calcio.

©Getty Images

"Che cosa ci ha dato questa esperienza in Champions League? Tante mazzate".
Il tecnico dell’FC Nordsjælland, Kasper Hjulmand, valuta sinceramente la fase a gironi della sua squadra dopo la sconfitta per 6-1 contro il Chelsea FC.

"Mi sono interessato molto al calcio. Ho chiesto al mio amico David [Beckham] informazioni sul Celtic e lui mi ha detto 'Eh sì, poche squadre sono al suo livello'".
Il rapper Snoop Dogg si rivela tifoso del Celtic dopo che Rod Stewart era stato fotografato in lacrime al Celtic Park in occasione del 2-1 contro il Barcellona.

"Abbiamo un grande chef. Prepara piatti speciali, come pasta al pollo con chili dolce, ma a volte ci sorprende con cose come i bastoncini di pesce, che neanche mia madre cucina più. Dice che sono troppo vecchio per mangiarli, ma non sono l'unico a cui piacciono, perché se non arrivi in mensa per tempo non li trovi più!".
L’attaccante Danny Welbeck svela la dieta speciale che dà una marcia in più ai giocatori del Manchester United al campo di allenamento di Carrington.

"Dopo ho detto a Gianluigi [Buffon] che è il mio eroe e che è stato un onore affrontarlo. Lui ha risposto che così lo facevo sentire vecchio".
Il portiere Jesper Hansen del Nordsjælland parla del suo incontro con il No1 della Juventus dopo l’1-1 nella fase a gironi.

"Da piccolo era iperattivo e il dottore ha detto di fargli fare sport. Invece del karate, per Angelito abbiamo preferito il calcio. Oggi, se vedo che è stanco gli dico: 'Figlio mio, mangia più banane ché ti fanno bene!'".
Diana Hernández, madre di Ángel Di María del Real Madrid, parla dell’infanzia di suo figlio.

©Getty Images

"Sono contento, soprattutto perché ho origini italiane. Credo che oggi sia uno dei giorni più belli della vita di mio padre".
Il portiere Silvio Proto dell’RSC Anderlecht, tifoso del Milan fin da piccolo, festeggia dopo l’ottima prestazione nello 0-0 a San Siro.

"Non sei sicuro di aver battuto una squadra tedesca fino a quando il suo autobus non ha lasciato lo stadio".
Una riedizione di un famoso proverbio olandese dopo il gol a 3’ dalla fine che ha permesso al Borussia Dortmund di battere l’AFC Ajax per 1-0 alla prima giornata.

"Dovevo segnare, era scritto. Quando ho saputo della morte di mio padre, il mister e dirigenti mi hanno parlato e mi sono stati vicini. Il gol mi ha dato un po' di sollievo, ma non importa chi segna, importa solo chi vince".
Dopo aver saputo della morte del padre a poche ore dalla gara contro la GNK Dinamo Zagreb, Lucho González poteva tranquillamente saltare la partita in Croazia. Al contrario, il centrocampista del Porto ha dimostrato una grande professionalità ed è sceso in campo, segnando nella gara vinta 2-0.

"Giocare in Champions League è la cosa più bella che ci sia, è incredibile. Non c’è niente di meglio".
Isco, 21enne attaccante del Málaga, dopo i due gol messi a segno nel 3-0 sull’FC Zenit St Petersburg alla prima giornata.