UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Al Real Madrid serve l'impresa

Strada in salita per le Merengues dopo il 4-1 dell'andata, firmato dal poker di Robert Lewandowski. Il Real Madrid non raggiunge la finale di UEFA Champions League dal 2002.

Borussia Dortmund - Málaga CF ©Getty Images

Nella semifinale di ritorno di UEFA Champions League, il Real Madrid CF ospita il Borussia Dortmund al Santiago Bernabéu sapendo di dover compiere una vera impresa: rimontare i quattro gol messi a segno da Robert Lewandowski nel 4-1 dell'andata.

• Nonostante il 50esimo gol di Cristiano Ronaldo in UEFA Champions League, il Real deve assolutamente migliorare contro un'avversaria che ha già rischiato di batterla a Madrid nel Gruppo D. A novembre, la squadra di Klopp è rimasta sul 2-1 fino all'89', quando Mesut Özil ha pareggiato su calcio di punizione.

• Il Dortmund tenterà di raggiungere la sua seconda finale nel massimo torneo continentale, mentre per il Real Madrid sarebbe la 13esima. Le Merengues sono state eliminate in semifinale tre volte dopo aver vinto il torneo nel 2002, ma hanno già eliminato il Borussia Dortmund in questa fase della competizione.

• Per ripetere il successo del 1998, il Real Madrid deve eguagliare la più grande rimonta mai compiuta in UEFA Champions League dopo la gara d'andata: ai quarti di finale dell'edizione 2003/04, l'AC Milan ha vinto 4-1 in casa contro l'RC Deportivo La Coruña ma ha perso 4-0 in Spagna ed è stato eliminato.

Precedenti
• Il Real Madrid ha eliminato il Borussia Dortmund campione d'Europa in carica in occasione della prima sfida tra le due squadre, nelle semifinali 1997/98. I gol segnati all'andata da Fernando Morientes e Christian Karembeu regalarono alla formazione allenata da Jupp Heynckes, che poi avrebbe vinto il trofeo, un successo complessivo per 2-0. L'attuale direttore sportivo del Borussia Dortmund, Michael Zorc, e il coordinatore del settore giovanile, Lars Ricken, presero parte ad entrambe le sfide per la squadra allenata da Nevio Scala.

• Le formazioni della gara di andata a Madrid (1 aprile 1998) erano le seguenti:
Real Madrid: Illgner, Panucci, Sanchís, Sanz, Roberto Carlos, Karembeu, Redondo, Seedorf, Raúl, Morientes (Jaime 88'), Mijatović (Šuker 51'). 
Borussia Dortmund: Klos, Julio César, Binz, Kree, Reuter, Freund, But, Reinhardt, Ricken (Zorc 81'), Chapuisat, Herrlich (Decheiver 47).

• Il Real Madrid ha avuto la meglio sul Borussia Dortmund anche nella seconda fase a gironi 2002/03 imponendosi 2-1 in casa il 19 febbraio 2003: gol di Raúl González e Ronaldo dopo l'iniziale vantaggo ospite firmato da Jan Koller.Sei giorni più tadi Koller andò nuovamente a segno, ma un gol di Javier Portillo in pieno recupero permise al Real Madrid di pareggiare 1-1. Le Merengues si sarebbero poi qualificate per il turno successivo grazie al secondo posto nel girone, precedendo di un punto i tedeschi.

• Le formazioni dell'incontro a Madrid, disputato il 19 febbraio 2003, erano le seguenti:
Real Madrid: Casillas, Salgado, Helguera, Pavón, Roberto Carlos, Figo, Flávio Conceição, Makelele, Zidane (Solari 81'), Ronaldo (Guti 74'), Raúl.
Borussia Dortmund: Lehmann, Wörns, Metzelder, Dedê, Reuter (Kehl 76'), Evanilson (Ricken 83'), Frings, Rosický, Ewerthon, Amoroso (Reina 67'), Koller

• Sebastian Kehl e il secondo portiere Roman Weidenfeller sono ancora in forza al Borussia Dortmund, così come Iker Casillas al Real Madrid.

• Nella fase a gironi di questa stagione (24 ottobre 2012), Robert Lewandowski e Marcel Schmelzer hanno regalato ai gialloneri il successo per 2-1 sul Real Madrid, a segno con Cristiano Ronaldo. Il Borussia Dortmund è andato vicino a bissare il successo anche 13 giorni più tardi a Madrid. Passata dua volte in vantaggio grazie a un gol di Marco Reus e a un'autorete di Álvaro Arbeloa, la formazione tedesca si è fatta raggiungere prima da Pepe e poi da Özil, ma ha comunque chiuso il Gruppo D come prima classificata.

Storia della partita
• In questa stagione, il Borussia è imbattuto in trasferta, con una vittoria e quattro pareggi, ma il Real ha collezionato tre successi e un pareggio al Bernabéu. Inoltre, nelle tre stagioni con José Mourinho, ha totalizzato 14 vittorie e una sola sconfitta: in nove occasioni, il margine di vittoria gli avrebbe permesso di superare questo turno.

• Negli incontri europei a doppia sfida, il Real ha avuto la meglio 11 volte contro le squadre tedesche, subendo l'eliminazione in sette. Il Dortmund ha un bilancio di quattro qualificazioni e due eliminazioni.

• Questa è la terza presenza in una semifinale di UEFA Champions League per il Borussia Dortmund, che è approdato una volta in finale:
1997/98 Real Madrid CF, sconfitta 0-2 (0-2 t, 0-0 c)
1996/97 Manchester United FC, vittoria 2-0 (1-0 c, 1-0 t)

• Il Real Madrid è alla 24esima presenza in semifinale, un record, con 12 passaggi del turno e 11 eliminazioni:
2011/12 FC Bayern München, 3-3, sconfitta ai rigori (1-2 t, 2-1 c)
2010/11 FC Barcelona, sconfitta 1-3 (0-2 c, 1-1 t)
2002/03 Juventus, sconfitta 3-4 (2-1 c, 1-3 t)
2001/02 FC Barcelona, vittoria 3-1 (2-0 t, 1-1 c)
2000/01 Bayern München, sconfitta 1-3 (0-1 c, 1-2 t)
1999/2000 Bayern München, vittoria 3-2 (2-0 c, 1-2 t)
1997/98 Borussia Dortmund, vittoria 2-0 (2-0 c, 0-0 t)
1988/89 AC Milan, sconfitta 1-6 (1-1 c, 0-5 t)
1987/88 PSV Eindhoven 1-1, sconfitta per i gol in trasferta (1-1 c, 0-0 t)
1986/87 Bayern München, sconfitta 2-4 (1-4 t, 1-0 c)
1980/81 FC Internazionale Milano, vittoria 2-1 (2-0 c, 0-1 t)
1979/80 Hamburger SV, sconfitta 3-5 (2-0 c, 1-5 t)
1975/76 Bayern München, sconfitta 1-3 (1-1 c, 0-2 t)
1972/73 AFC Ajax, sconfitta 1-3 (1-2 t, 0-1 c)
1967/68 Manchester United FC, sconfitta 3-4 (0-1 t, 3-3 c)
1965/66 FC Internazionale Milano, sconfitta 2-1 (1-0 c, 1-1 t)
1963/64 FC Zürich, vittoria 8-1 (2-1 t, 6-0 c)
1961/62 R. Standard de Liège, vittoria 6-0 (4-0 c, 2-0 t)
1959/60 FC Barcelona, vittoria 6-2 (3-1 c, 3-1 t)
1958/59 Club Atlético de Madrid, vittoria 2-1 nel replay in campo neutro (2-1 c, 0-1 t)
1957/58 Vasas SC, vittoria 4-2 (4-0 c, 0-2 t)
1956/57 Manchester United FC, vittoria 5-3 (3-1 c, 2-2 t)
1955/56 AC Milan, vittoria 5-4 (4-2 c, 1-2 t)

• Klopp è alla sua prima semifinale di UEFA Champions League, mentre per Mourinho si tratta della settima: il suo bilancio è di due vittorie e quattro sconfitte. Il portoghese ha disputato numerose sfide di rilievo contro le squadre tedesche in passato, tra cui spicca la finale vinta nel 2010 con l'FC Internazionale Milano contro l'FC Bayern München. L'anno successivo, il Real Madrid è stato battuto in semifinale dalla stessa avversaria. In due occasioni le squadre di Mourinho hanno raggiunto la finale vincendo il trofeo.

• Il Borussia ha già sprecato un vantaggio di tre gol dopo la gara d'andata, unica eliminazione su 14 dopo aver vinto la gara d'andata. Al terzo turno di Coppa UEFA 1987/88, il Club Brugge KV ha ribaltato una sconfitta per 3-0 in Germania con un 5-0 in casa.

• Il Real Madrid ha ribaltato una sconfitta all'andata 22 volte e ha fallito la missione 14 volte, comprese le ultime tre. Tuttavia, è stato in grado di rimontare dopo pesanti sconfitte all'andata: contro Derby County FC (secondo turno di Coppa dei Campioni 1975/76: 1-4 c, 5-1 t), RSC Anderlecht (terzo turno di Coppa UEFA 1984/85: 0-3 t, 6-1 c) e VfL Borussia Mönchengladbach (terzo turno di Coppa UEFA 1985/86: 1-5 t, 4-0 c).

• I precedenti del Real Madrid ai calci di rigore nelle competizioni UEFA sono:
1-3 contro FC Bayern München, semifinali di UEFA Champions League 2011/12
3-1 contro Juventus, secondo turno di Coppa dei Campioni 1986/87
5-6 contro FK Crvena zvezda, quarti di finale di Coppa delle Coppe UEFA 1974/75

• Quelli del Borussia sono:
3-1 contro Rangers FC, terzo turno di Coppa UEFA 1999/00
6-5 contro AJ Auxerre, semifinali di Coppa UEFA 1992/93

Incroci 

• Nuri Şahin ha giocato dieci partite con il Real nel 2011/12 dopo essere arrivato dal Dortmund. E' tornato al BVB per un prestito di una stagione al Liverpool FC.

• Schmelzer, Mats Hummels, Mario Götze, İlkay Gündoğan, Sven Bender, Kevin Grosskreutz e Reus sono compagni di Sami Khedira e Özil nella nazionale tedesca.
 Tutti tranne Bender e Grosskreutz hanno preso parte all'amichevole persa 3-1 dalla Germania contro l'Argentina nell'agosto 2012. Khedira (autorete) e Ángel Di María sono comparsi sul tabellino dei marcatori della sfida, che ha visto in campo anche Gonzalo Higuaín. L'attaccante aveva segnato l'unico gol nel successo 1-0 ottenuto dall'Argentina sulla Germania a Monaco nel marzo 20120.


• Hummels ha preso parte con la Germania alla gara vinta 1-0 nella fase a gironi di UEFA EURO 2012 contro il Portogallo, che schierava Pepe, Fábio Coentrão e Ronaldo.


• Neven Subotić è sceso in campo per la Serbia nella gara di qualificazione alla Coppa del Mondo FIFA 2014 persa 2-0 contro la Croazia di Luka Modrić a marzo. Nel maggio dello scorso anno, il difensore aveva incassato una sconfitta con identico punteggio contro la Spagna di Casillas, Sergio Ramos, Xabi Alonso e Raúl Albiol.


• Özil ha vestito la maglia dell'FC Schalke 04, club rivale del Borussia Dortmund, dal 2006 al gennaio 2008 prima di trasferirsi all'SV Werder Bremen. Il suo unico gol in sette gare giocate contro i Gialloneri risale all'1-1 casalingo del novembre 2009.