UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Slovenia ko, Ucraina avanti con la Spagna

Slovenia-Ucraina 3-6
La squadra di Lisenchuk accede ai quarti con le Furie rosse grazie alla netta vittoria contro la Slovenia, eliminata: Legchanov firma una tripletta.

Slovenia ko, Ucraina avanti con la Spagna
Slovenia ko, Ucraina avanti con la Spagna ©Action Images

L’Ucraina si qualifica con la Spagna per i quarti di finale di UEFA Futsal EURO 2012 grazie al netto successo 6-3 contro la Slovenia, prima nazionale eliminata dalla manifestazione. 

Sconfitta 4-2 dalla Spagna martedì nell’incontro d’apertura del Gruppo B, la Slovenia aveva bisogno di almeno un punto per restare in lizza, ma dopo dieci minuti si è trovata sotto di tre gol e Valeriy Legchanov in seguito a completare la sua tripletta, oltre a realizzare un’autorete. L’Ucraina è così davanti alla Spagna per la differenza reti e un pareggio le consentirebbe di restare a Zagabria per il match di lunedì, invece che viaggiare a Spalato. 

Sin dalle battute iniziale l’Ucraina dà l’impressione di essere brillante sulle ripartenze con Legchanov, Dmitriy Klochko e Serhiy Zhurba tutti ispirati. Al quinto minuto l’equilibrio si spezza, con Dmitriy Klochko che piazza un allungo sulla sinistra e fa passare il pallone sotto a Aljoša Mohorič. Il 2-0 arriva subito, con Valeriy Legchanov che chiede e ottiene l’uno-due da Maxym Pavlenko prima di mettere alle spalle del portiere avversario. Il peggio deve ancora arrivare per la Slovenia con Zhurba che intercetta un pallone, si lancia in contropiede e centra il bersaglio con un potente tiro.

L’ampia rappresentanza di tifosi sloveni sugli spalti è sconsolata, la loro squadra è molto più in balia dei break della squadra piuttosto che del possesso della Spagna. Klochko ferma Primož Zorč con un intervento alla disperata, ma dall’altra parte Serhiy Cheporniuk colpisce la traversa, prima di servire Pavlenko che realizza il 4-0.

Legchanov trova la quinta segnatura appena 42 secondi dopo l’intervallo. La prodezza di tacco di Pavlenko supera Mohorič ma viene salvata da Zorč: la Slovenia riesce ad accorciare le distanze con il tiro di Mordej, che colpisce la traversa e poi il portiere Yevhen Ivanyak, prima che la deviazione di Legchanov metta inavvertitamente il pallone in rete.

A Legchanov servono due minuti per riscattarsi, completando la sua tripletta con una precisa punizione dalla distanza. Rajko Uršič trova un’altra rete per la Slovenia con un tiro da posizione defilata che non dà scampo al portiere Yevhen Ivanyak, poi Kristjan Čujec con un gran tiro trova la terza rete: ma per la Slovenia è troppo tardi.