UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La Slovenia chiama l'adunata

Dopo l'onorevole sconfitta per 4-2 contro la Spagna, il Ct Andrej Dobovičnik e il capitano Igor Osredkar chiamano a raccolta il proprio pubblico per la decisiva sfida di giovedì contro l'Ucraina.

I tifosi sloveni sono accorsi numerosi
I tifosi sloveni sono accorsi numerosi ©Action Images

Dopo l'onorevole sconfitta per 4-2 contro la Spagna nella gara d'esordio nel Gruppo B di UEFA Futsal EURO 2012, la Slovenia si prepara ad affrontare l'Ucraina in una gara che potrebbe decidere il passaggio del turno insieme ai campioni in carica. Il Ct Andrej Dobovičnik e il capitano Igor Osredkar, dunque, chiamano all'adunata il proprio pubblico.

La partita di martedì all'Arena Zagreb è stata vista da circa 2.000 tifosi sloveni. Una simile affluenza è prevista per la gara di giovedì contro l'Ucraina, che alla prima uscita nel torneo sa di potersi qualificare a scapito dei loro avversari con una vittoria.

"Spero che ci siano tanti tifosi sloveni, come l'altra volta o anche di più, perché quella di giovedì sarà una gara decisiva - commenta Dobovičnik a UEFA.com -. Il pubblico ci può dare la carica e speriamo di festeggiare insieme".

Osredkar commenta: "Sono rimasto molto colpito dai tifosi. Venire qui in così tanti è straordinario. Giovedì ne avremo bisogno ancora di più, perché possono portarci ai quarti di finale".

L'Ucraina, seconda testa di serie, è rimasta in tribuna a guardare gli avversari alla prima giornata. Il Ct Gennadiy Lysenchuk ha portato la squadra in finale nel 2001 e nel 2003, mentre l'attuale generazione di giocatori si è dimostrata molto promettente vincendo il torneo di Baku del mese scorso contro Azerbaigian e Turchia.

"Abbiamo il morale alto - commenta Lysenchuk -. La Slovenia ha giocatori ambiziosi che si conoscono da diversi anni, quindi sarà una bella partita".

L'attaccante Valeriy Legchanov aggiunge: "È la partita più importante della fase a gironi. Ci aspettano sfide molto difficili e ora come ora non saprei dire quanto arriveremo lontano".

Mentre l'Ucraina è riposata e vuole fare in modo che la gara di domenica contro la Spagna serva solo a decretare il primo posto, la Slovenia deve superare 40 intensi minuti per arrivare al prossimo turno. Dobovičnik è convinto che la squadra abbia perso per una condizione atletica inferiore alla Spagna ma rimane ottimista.

"So che anche l'Ucraina è molto forte fisicamente, ma se giochiamo come contro la Spagna abbiamo una possibilità di arrivare ai quarti - conclude -. Tuttavia, mi aspetto che l'Ucraina sia leggermente più debole della Spagna. Attaccheremo sin dall'inizio, perché solo con un calcio offensivo possiamo vincere".