UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Occasione d'oro per Spagna e Irlanda

Sabato un nuovo nome verrà scritto sull'albo d'oro dell'Europeo Under 17 femminile UEFA dopo la finale tra Spagna e Repubblica d'Irlanda in programma allo stadio Colovray di Nyon.

Noel King (Irlanda) & Jorge Vilda (Spagna)
Noel King (Irlanda) & Jorge Vilda (Spagna) ©Sportsfile

Sabato un nuovo nome verrà scritto sull'albo d'oro del Campionato Europeo Under 17 femminile UEFA con la sfida tra Spagna e Repubblica d'Irlanda allo stadio Colovray di Nyon.

La gara, in programma alle 13.30 (CET), oppone la Spagna, seconda classificata l'anno scorso, e la Repubblica d'Irlanda, che martedì ha battuto la Germania vincitrice delle prime due edizioni. La Spagna, che ha vinto la semifinale di martedì contro l'Olanda per 3-0, ha un incentivo in più: rimediare alla finale dell'anno scorso, persa 7-0 contro le tedesche.

Jorge Vilda, figlio del Ct dello scorso anno, ritiene che la squadra abbia le carte giuste per vincere: "Abbiamo fame e ambizioni - ha commentato venerdì -. Sento che le ragazze cominciano veramente a concentrarsi per la partita di domani".

Vilda rifiuta anche il ruolo di favorite dopo l'eliminazione della Germania: "Cerchiamo di arrivare a questa finale con umiltà, perché sappiamo che l'Irlanda è una squadra difficile - ha commentato -. In finale tutto può succedere e un piccolo dettaglio può fare la differenza". Dal ritiro spagnolo non ci sono novità dall'infermeria dopo il recupero dell'attaccante Raquel Pinel da una contusione.

Anche l'Irlanda di Noel King è in ottima forma, soprattutto dopo l'1-0 di martedì contro la Germania. Anche se la squadra è tornata con i piedi per terra, il morale rimane alto. Prima formazione irlandese ad aver raggiunto la fase finale di un torneo femminile internazionale, l'Under 17 ha addirittura ricevuto una lettera dal presidente del paese Mary McAleese.

"Dopo il fischio finale contro la Germania, abbiamo tutti cambiato umore - ha spiegato King -. Siamo stati per 24 ore a due metri da terra. È un traguardo meraviglioso e non c'è motivo di smorzare l'entusiasmo".

Se il gol di Megan Campbell contro la Germania ha stabilito un primato per il calcio femminile irlandese (con la conquista di un posto in Coppa del Mondo FIFA femminile insieme alla Spagna e alla vincitrice della finale per il terzo posto) e offre la possibilità di un primo titolo femminile per nazionali, ha anche convinto la principale emittente del paese a trasmettere la finale insieme a Eurosport. "Speriamo che la diretta aumenti l'interesse nel nostro paese", ha commentato King.

Tuttavia, il Ct riconosce che le sue giocatrici devono ancora dimostrare le proprie credenziali sul palco più importante: "Non sai mai quanto sei forte finché non ha incontrato le migliori - ha concluso -. Dobbiamo solo capire se la Spagna sia davvero la squadra più forte. Tutti conoscono la grande combattività degli irlandesi, ma non credo che la passione e il coraggio possano bastare, perché la Spagna è tecnica, astuta e veloce. Le mie ragazze non sanno quanto sia forte la Spagna, ma allo stesso tempo non sanno quanto siano forti loro".