UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La UEFA fissa gli obiettivi per il calcio femminile

Karen Espelund, prima donna ad entrare nel Comitato Esecutivo UEFA su invito, parla dell'importanza del calcio di base e dei tornei giovanili in vista della fase finale Under 17.

La UEFA investe sul calcio femminile
La UEFA investe sul calcio femminile ©UEFA.com

Mentre le migliori giovani calciatrici del continente si sfideranno nei Campionati Europei Femminili UEFA Under 17 da giovedì a domenica, il futuro del calcio femminile sembra sempre più radioso.

A giugno, Karen Espelund è diventata la prima donna ad entrare nel Comitato Esecutivo UEFA su invito, e come presidentessa della Commissione Calcio Femminile UEFA è responsabile di una strategia di sviluppo che avrà effetti  importanti sul calcio femminile e su tutto il mondo del calcio in generale.

"Il potenziale delle ragazze che praticano il calcio di base in tutte le federazioni è enorme - spiega Espelund -. Ogni ragazza dovrebbe avere la possibilità di giocare a calcio nella sua zona. Questa è la base di ogni programma di sviluppo sotto tutti gli aspetti. Abbiamo bisogno di migliori campionati, arbitri donne, amministratrici e tecnici, e abbiamo bisogno di rappresentanza femminile a tutti i livelli. La UEFA ha preso alcune decisioni, adesso tocca alle federazioni seguire queste indicazioni. La UEFA sarà lì a sostenerle".

Attraverso il programma di assistenza HatTrick, la UEFA si è impegnata a spendere 100.000 euro ogni anno per ogni federazione in modo da far crescere il calcio femminile tra il 2012 e il 2016. I risultati di iniziative passate stanno già dando i loro frutti ed Espelund – che ha grandi meriti per la creazione dei Campionati Under 17 nel 2007 – è felice di constatare l'impatto dei tornei giovanili sulla qualità del calcio femminile.

"Le competizioni portano alla crescita - spiega -. Approssimativamente 45 delle 53 federazioni affiliate alla UEFA vi partecipano regolarmente. Guardando la Germania agli ultimi Mondiali FIFA si poteva vedere come molte di quelle ragazze siano cresciute attraverso i tornei giovanili. In futuro, le nazionali Under 17 e Under 19 saranno il percorso naturale verso le selezioni maggiori. Le strutture all'interno delle federazioni nazionali si stanno sviluppando, aumentano le opportunità di giocare per le ragazze. Tutti fattori che portano alla crescita".

Dopo che Espelund è diventata la prima donna nel Comitato Esecutivo, la UEFA è determinata a continuare questo trend. "Con questa decisione, la UEFA ha fatto capire che il calcio è per tutti a tutti I livelli. Le donne devono avere la possibilità di essere attive in molte funzioni, non solo sul campo. A beneficiarne saranno il calcio e la legittimità del suo organo di governo. Spero di provarlo con un esempio positivo”.