UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Bresonik perno della Germania

Dopo tre anni di assenza dalla nazionale la centrocampista è stata convocata da Silvia Neid e ora sfida l'Italia: "Sono maturata enormemente, ho tutto quello che serve per guidare questo gruppo".

Bresonik perno della Germania
Bresonik perno della Germania ©Getty Images

Da quando Linda Bresonik è entrata nel panorama internazionale negli Europei Femminili UEFA 2001 la sua carriera ha vissuto alti e bassi. Otto anni dopo, è una figura chiave nel percorso che potrebbe portare la Germania al quinto titolo continentale consecutivo.

Lunga assenza
Bresonik, centrocampista di copertura che sa giocare anche in difesa, ha debuttato il 10 maggio 2001 contro l'Italia, e il mese successivo ha preso parte alla vittoria per 3-0 con l'Inghilterra che ha regalato il titolo europeo in casa alla sua squadra. Eppure, dopo aver fatto parte della spedizione ai Mondiali Femminili FIFA 2003, è stata esclusa dalla nazionale per tre anni, prime di ritornarvi nel gennaio 2007.

Maturità
Da allora è titolare e ha aiutato la nazionale a vincere il Mondiale del 2007. Ora, prima della sfida con l'Italia ai quarti di UEFA WOMEN'S EURO 2009™ che si giocheranno a Lahti, la 25enne è contenta di far parte della partita. "Non rimpiango nulla", ha detto Bresonik. "Il passato mi ha forgiata e sono maturata. Anche nei momenti bui ho lavorato sodo per ritrovare il mio posto in squadra. Sono stata fortunata perchè Silvia Neid mi ha richiamata".

Anno vincente
Ora, Bresonik è tornata 'in alto', e con il FCR 2001 Duisburg in 2008 ha vinto la UEFA Women's Cup e la Coppa di Gemania. "E' stato un anno fantastico, e i successi mi hanno aiutata ad arrivare qui con lo spirito giusto", ha detto. "Sono una giocatrice versatile. Posso giocare anche destra a centrocampo o al centro, dove si sviluppa il gioco. E' da tanto che faccio parte della squadra ormai e sono maturata, ho tutto quello che serve per guidare il gruppo. Non è un caso che il Ct abbia deciso di darmi la maglia numero 10".

Sport di squadra
La Germania ha ottenuto tre vittorie in altrettante gare del Gruppo B segnando dieci reti – due di Bresonik. "Mi piaceva giocare a tennis e alcuni hanno cercato di convincermi a fare l'eptatlon", ha detto. "Ma mi annoierei a fare uno sport individuale, preferisco cercare di tirare in porta insieme alle mie compagne".