Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Jones entusiasmata per la finale di Monaco

L'ambasciatrice della finale di UEFA Champions League femminile rivolge la propria attenzione ai quarti di finale della prossima settimana e ritiene che l'evento finale a Monaco abbia un valore molto importante.

Jones entusiasmata per la finale di Monaco
Jones entusiasmata per la finale di Monaco ©UEFA.com

La UEFA Champions League femminile torna in scena per la prima volta nel 2012 con l'andata dei quarti di finale e i riflettori sono tutti puntati sulla due volte campione d'Europa, l'ex difensore dell'1. FFC Frankfurt Steffi Jones.

Andata a segno nella finale inaugurale della UEFA Women's Cup del 2002 e di nuovo vincitrice con la squadra tedesca del secondo di tre titoli quattro anni dopo, Jones è l'ambasciatrice della finale di questa edizione all'Olympiastadion di Monaco il 17 maggio. Naturalmente l'attenzione della Jones è rivolta agli ex compagni del Francoforte, che giovedì fanno visita al WFC Malmö - squadra contro cui lei ha vinto 4-1 nelle semifinali del 2003/04 - e ha pronosticato a UEFA.com un altro successo della sua ex squadra. 

UEFA.com: Come valuti le possibilità di successo del Francoforte contro il Malmö?

Steffi Jones: Il Francoforte può contare su molte calciatrici di livello internazionale e parte favorito. La squadra ha giocato bene e avuto un buon rendimento quest'anno. Sono convinta che passerà il turno.

UEFA.com: L'anno scorso non ha vinto una squadra tedesca ma l'Olympique Lyonnais che ha battuto l'1. FFC Potsdam in finale - è un segnale di crescita anche di altri paesi?

Jones: Era quello che volevamo: concorrenza in tutto il continente, altri campionati competitivi, e altre squadre oltre alle tedesche in grado di vincere la Champions League. La finale dello scorso anno è stata fantastica, ed è stata vinta con merito dal Lione contro il Turbine Potsdam

UEFA.com: Quanto è importante questa finale di calcio femminile a Monaco e in Baviera? 

Jones: Ogni evento, tanto più uno di questo calibro, ha un impatto positivo sui club. L'evento coinvolge tutto il movimento calcistico femminile: non è un evento che si svolge nella sola Baviera, ma coinvolge tutte le federazioni. Promuoviamo il calcio: non vogliamo restringere i benefici alla sola Baviera, ma vogliamo estenderli a tutta la Germania. E se anche la squadra maschile del Bayern Monaco dovesse raggiungere la finale, sarebbe un'ulteriore spinta. E' importante avere una visione più ampia. Non sarebbe soltanto una regione, ma un intero paese, la Germania, ad avere due squadre in finale di Champions League. E' questo che stiamo cercando di promuovere, e faremo il tifo per loro se ci riusciranno

UEFA.com: Com'è cambiata questa competizione dalla tua prima vittoria della UEFA Women's Cup nel 2002?

Jones: Beh, è cambiata, perché il gioco è diventato più veloce e anche le condizioni e gli investimenti sono decisamente cresciuti. Quindi è una motivazione enorme per le squadre passare al turno successivo; e anche per i club che sono stati eliminati al primo turno, è importante che abbiano partecipato. Questa è una motivazione enorme e uno stimolo per i club. Giocare la Champions League ha un significato enorme, ed è per questo che siamo felici dello sviluppo di questa competizione. E' stata una grande sfida: la prima Coppa UEFA femminile, e ora la Champions League, che ha già un suono diverso, ha qualcosa di davvero speciale. Quindi è stato uno sviluppo molto positivo.

In alto