UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Spagna sul tetto d'Europa

Due anni dopo la sconfitta in finale contro la Germania a Cracovia, la Spagna si prende una meritata rivincita piegando la nazionale tedesca a Udine grazie alle reti di Fabián Ruiz e Dani Olmo.

Highlights: See how Spain claimed U21 glory
Highlights: See how Spain claimed U21 glory

Spagna campione. Cracovia 2017 cancellata. Record dell’Italia eguagliato. Questi i verdetti dalla finale di Udine, sbloccata dal sinistro magico di Fabián Ruiz in apertura e decisa dal tocco morbido di Dani Olmo nella ripresa che rende inutile la rete nel finale di Amiri. 

Eppure era partito male l’Europeo delle Furie Rosse. Una sconfitta contro l’Italia a Bologna e ragazzi di de la Fuente con le spalle al muro, a un passo dal baratro. Sembra una vita fa perché da lì è iniziato un crescendo continuo, di partita in partita, fino alla conquista del trofeo. Una ‘sweet revenge’ contro la squadra che l’aveva battuta in finale due anni fa in Polonia e il quinto trionfo nella competizione: come l'Italia.

La Spagna esulta dopo il gol di Ruiz
La Spagna esulta dopo il gol di Ruiz©Sportsfile

Inizio da sogno per la Rojita che passa subito in vantaggio. Fabián Ruiz conduce la transizione avanzando palla al piede: tutto lo stadio capisce con il fiato sospeso che sta mirando l’angolo lontano e il sinistro telecomandato del centrocampista del Napoli piazza il pallone proprio lì, dove Nübel non può arrivare.

Una Spagna, quella del primo tempo, che rimane fedele al suo gioco: Ceballos accarezza il pallone con delicatezza esaltando i movimenti intorno a lui di compagni che sono sempre al posto giusto nel momento giusto. Su tutti un Ruiz in versione extra-lusso e personalità da veterano e un Dani Olmo a dir poco ispirato.

Il tiro di Ruiz che sblocca la partita
Il tiro di Ruiz che sblocca la partita©Getty Images

Non tarda ad arrivare la reazione della Germania, che punta su un calcio più diretto per cercare di far male alla Spagna. I tedeschi arrivano piuttosto agevolmente sul fondo, ma si vedono poco gli attaccanti più attesi come Amiri e Waldschmidt. Il più pericoloso per la difesa spagnola è così Levin Öztunali, anche se Sivera non corre in realtà grossi pericoli.

Il primo vero intervento del portiere spagnolo arriva in apertura di ripresa, ma la conclusione di Amiri non è abbastanza angolata per impensierirlo. La Germania alza però il baricentro e spinge con maggiore convinzione. Si capisce anche dalla decisione con cui gli uomini di Kuntz vanno sui contrasti a centrocampo. Waldschmidt ci prova da lontano, ma senza troppa fortuna. 

L'esultanza di Olmo, migliore in campo della finale.
L'esultanza di Olmo, migliore in campo della finale.©Sportsfile

Controllata la sfuriata tedesca, la Spagna riprende a macinare gioco. E raddoppia. Ancora una volta decisivo il sinistro di Ruiz. Nübel non trattiene, sul pallone arriva Olmo che scavalca il portiere tedesco con un morbido tocco sotto. La Germania è in ginocchio e Ruiz spreca l’occasione per il tris calciando fuori a tu per tu con Nübel dopo un’azione tutta di prima della Spagna da stropicciarsi gli occhi.

Annichilita la Germania davanti a una Spagna che continua ad attaccarla muovendo il pallone con splendida semplicità. Solo la traversa nega il gol a Soler. Waldschmidt ha una ghiotta occasione per riaprire la partita dall'altra parte, ma non è serata per il capocannoniere del torneo. L'onore tedesco lo salva Amiri con un tiro che beffa Sivera grazie anche a una deviazione. Ma la festa di Udine è tutta della Spagna.