UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

L'Olanda passa nel finale

Olanda - Georgia 2-0
La Georgia resta presto in dieci ma resiste fino allo scadere, poi l'Olanda si assicura la finale contro la Germania come nel 2011.

Queensy Menig inseguito da Giorgi Gorozia
Queensy Menig inseguito da Giorgi Gorozia ©Sportsfile

L'Olanda batte 2-0 una coraggiosa Georgia che gioca in dieci gran parte  della partita e raggiunge la seconda finale consecutiva nei Campionati Europei UEFA Under 17, ancora una volta contro la Germania.

La Georgia parte con ottimismo ma poi arriva il brutto colpo dei due gialli nel giro di un minuto a Nika Tchanturia con la squadra di Vasil Maisuradze che si ritrova a giocare in inferiorità numerica per 64 minuti. La difesa della Georgia resiste fino al 79' prima di capitolare sotto i colpi di Jorrit Hendrix e Thom Haye.

La Georgia fa subito vedere buone cose soprattutto in attacco, ma presto arriva il doppio giallo a capitan Nika Tchanturia – il primo per un fallo commesso per fermare lo scatto di Queensy Mening, il secondo per essere uscito troppo presto dalla barriera.

L'Olanda diventa allora padrona del campo e gioca con pazienza. Tattica intelligente ma che porta a una sola vera occasione nel primo tempo. Un'altra grande azione personale di Mening, passaggio indietro verso Joris Voest il cui tiro secco di prima intenzione viene respinto da Aleksandre Adamia.

Il portiere Adamia è ancora protagonista nella ripresa. Prima respinge con le gambe il tiro di Rai Vloet, poi si tuffa a destra per deviare il tiro angolato di Lumu.

La Georgia si organizza e le occasioni olandesi diminuiscono fino agli ultimi minuti. Prima Ake colpisce la traversa con un tiro al volo in acrobazia, poi diventa l'ispiratore del gol del vantaggio allo scadere.

Il passaggio di Ake è perfetto e Hendrix insacca di testa. La Georgia si sbilancia per pareggiare e Tonny Trindade de Vilhena pesca lo smarcato Thom Haye, che scatta in contropiede e batte ancora Adamia.