UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il Barcellona vola alto

Profilo squadra: L'FC Barcelona ha passato la fase a gironi segnando 20 gol, ma non è stato altrettanto prolifico contro FC København e Arsenal, conquistando in ogni caso l'accesso alle finali in maniera convincente.

Il Barcellona vola alto
Il Barcellona vola alto ©FC Barcelona

Non è un caso che allenatori e tecnici delle giovanili da tutto il mondo si rechino in pellegrinaggio a La Masía, l'accademia dell'FC Barcelona, considerato un luogo sacro per la formazione calcistica dei giovani talenti. E, naturalmente, non sorprende che la nuova generazione del Barcellona si sia qualificata fino alla fase finale della UEFA Youth League a Nyon.

Eppure, nonostante una fase a gironi senza sconfitte, con 20 segnati e cinque incassati, i giovani Blaugrana non hanno avuto vita facile nella fase a eliminazione diretta. Inizialmente hanno dovuto rimontare contro l'FC København e successivamente trovare una soluzione tattica per fronteggiare l'Arsenal FC, capace ai quarti di disinnescare per lunghi tratti di gara l'enorme potenziale offensivo spagnolo.  

Lo stile di gioco della squadra ricalca quello dei più grandi: possesso palla, eccellenza tecnica, scambi brevi e veloci. Ma ciò che sorprende maggiormente è l'elevato livello di umiltà dei ragazzi, testimoniato dalla politica del club di dissuadere i più giovani a rilasciare interviste e mantenere un basso profilo. Il tecnico Jordi Vinyals preferisce focalizzarsi più sul collettivo che sulle qualità dei singoli. 

Tutavia, la formazione del Barcellona presenta delle individualità straordinarie. Otto gol in altrettante partite la dicono lunga sull'istinto in area di rigore dell'attaccante Munir El Haddadi. La velocità e le qualità dell'ala destra Adama Traoré costringono a paragoni illustri con Pedro Rodríguez. Jordi Ortega rispecchia le qualità di Sergio Busquets nel ruolo di centrocampista di interdizione. Nella retroguardia, Juanma García e Rodrigo Tarín sono i pilastri di una squadra che ha subito solo otto gol lungo il cammino verso Nyon. 

"Stiamo imparando molto e l'esperienza sarà ancora magnifica - ha detto Vinyals in vista delle semifinali in terra svizzera -. Nella nostra partita contro lo Schalke, confido nella gioia e in un pò di magia". 

Numero: 8
Nel Barcellona che ha vinto la UEFA Champions League nel 2011, otto giocatori scesi in campo a Wembley provenivano dal settore giovanile del club. 

Allenatore: Jordi Vinyals
Data di nascita: 24/11/1963
Vinyals, nato nella città catalana di Cardedeu, è cresciuto nel settore giovanile blaugrana, passando poi in prima squadra e ha giocato per altri sei club prima di iniziare ad allenare nel 2000. E' tornato a 'casa' nel 2012.  

Settore giovanile
La Masía ha fatto crescere 17 attuali giocatori della prima squadra, tra cui fuoriclasse come Lionel Messi, Xavi Hernández e Andrés Iniesta – questi ultimi due i migliori rispettivamente a UEFA EURO 2008 e nell'edizione del 2012.

Verso Nyon
Fase a gironi: AFC Ajax 4-1 (c), Celtic FC 2-1 (f), AC Milan 6-2 (f), AC Milan 1-1 (c), AFC Ajax 4-0 (f), Celtic FC 3-0 (c) – vincitrice Gruppo H 

Ottavi: FC København 4-1 (c)

Quarti di finale: Arsenal FC 4-2 (c)

Capocannoniere: Munir El Haddadi 8