UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Dani Parejo pronto per entrare nella storia

Il centrocampista ripercorre il suo primo anno al Villarreal e considera la finale "un premio alla carriera".

Dani Parejo ha superato le 50 partite nel 2020/21
Dani Parejo ha superato le 50 partite nel 2020/21 Getty Images

La scorsa estate, molti si sono stupiti quando Dani Parejo, da tempo al Valencia, è passato al Villarreal a parametro zero. Solo 12 mesi prima, il centrocampista aveva vinto la Coppa del Re, unico trofeo importante in una lunga carriera iniziata al Real Madrid e proseguita con varie tappe, tra cui una parentesi in Inghilterra al Queens Park Rangers. Il nazionale spagnolo, 32 anni, è a un passo dal suo secondo trofeo, ma prima dovrà battere il Manchester United in finale di UEFA Europa League.

Ho deciso di venire al Villarreal perché stava facendo bene ed è un club serio e stabile. Fa di tutto affinché i giocatori possano esprimersi al meglio e ha anche preso Unai Emery, un vincitore nato.

Emery ha vinto l'Europa League [tre volte] con il Siviglia ed è arrivato in finale con l'Arsenal. È una competizione che gli sta molto a cuore. Fin dal primo momento, ci ha detto che dovevamo andare avanti un passo alla volta e che è molto difficile arrivare in finale, ma ad ogni passo ha dato l'attenzione e l'importanza che meritava.

Verso la finale: tutti i gol del Villarreal
Verso la finale: tutti i gol del Villarreal

Abbiamo dato tutto fin dalla prima partita. Nella fase a gironi eravamo favoriti e abbiamo tenuto sempre la testa alta. Le trasferte erano dure - quattro o cinque ore di volo - ma ce la siamo cavata. Tutti hanno avuto il loro ruolo. Non siamo solo 13, 14 o 15 giocatori. Tutti i 25 in rosa hanno la stessa importanza.

Siamo arrivati primi e abbiamo pescato una delle squadre più difficili: il Salisburgo, che può tranquillamente giocare in Champions League. Col senno di poi sembra molto facile, perché abbiamo vinto 2-0 in trasferta e 2-1 in casa. Poi c'è stata la Dynamo Kiev, un'altra lunga trasferta. Il clima non era favorevole, ma abbiamo vinto 2-0. Al ritorno siamo andati sul 2-0 nel primo tempo e via così.

Highlights: Dynamo Kyiv - Villarreal 0-2
Highlights: Dynamo Kyiv - Villarreal 0-2

Ai quarti abbiamo affrontato la Dinamo Zagabria, che non aveva mai perso in casa in tutte le competizioni [e aveva battuto nettamente il Tottenham per 3-0]. La partita è stata combattuta e abbiamo vinto 1-0, mentre al ritorno è andato tutto come volevamo [2-1].

Infine l'Arsenal, una delle favorite. Abbiamo giocato davvero bene, soprattutto l'andata in casa. Abbiamo vinto 2-1, un risultato un po' stretto: un solo gol al ritorno li avrebbe portati in finale, ma abbiamo tenuto duro. Abbiamo avuto occasioni, ma era anche importante non subire gol.

Highlights: Villarreal - Arsenal 2-1
Highlights: Villarreal - Arsenal 2-1

Ho avuto la sfortuna di perdere diverse semifinali e una [con il Valencia contro il Siviglia di Emery nel 2014] è stata particolarmente crudele. Anni dopo, però, ho una possibilità di rivincita. Grazie alla mia perseveranza giocherò una finale di Europa League: non molti possono dirlo. Questa finale è una specie di premio alla carriera per la mia caparbietà.

Classiche di Europa League: Valencia - Sevilla, 2014

Ora siamo di fronte alla squadra che ritengo favorita da quando si è trasferita dalla Champions. Il Manchester United è una grande squadra, soprattutto in attacco. Ha i giocatori più forti: Edinson Cavani, Marcus Rashford, Bruno Fernandes, Paul Pogba. Ma ci prepareremo come per qualsiasi altra partita, giocando come abbiamo fatto finora: come una squadra.

Verso la finale: tutti i gol del Man. United
Verso la finale: tutti i gol del Man. United

Giocare in Europa a questo livello e arrivare in finale imbattuti non è facile, eppure l'abbiamo fatto. Vincere un'altra partita e la coppa sarebbe incredibile. È un trofeo che il club si merita.

Ora sono qui, ma da fuori ho sempre visto le ambizioni di questa società. Quest'anno è arrivata in semifinale per la quinta volta. Il presidente e tutto lo staff sanno qual è l'obiettivo e dove vogliono arrivare. Penso che questo li distingua dagli altri: è una piccola famiglia in cui tutti dicono le cose molto chiaramente.