UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Dalla Coppa UEFA alla UEFA Europa League

Ripercorri l'evoluzione della competizione nata come Coppa UEFA.

Il Siviglia alza la coppa per la sesta volta nel 2020
Il Siviglia alza la coppa per la sesta volta nel 2020 Getty Images

Inaugurata nel 1971, la Coppa UEFA era stata presentata come terza competizione UEFA per club dopo la Coppa dei Campioni e la Coppa delle Coppe.

La Coppa UEFA venne creata per sostituire la Coppa delle Fiere, entrando sotto il controllo dell’organo di governo europeo al fine di uniformare regole, arbitraggi e misure disciplinari.

COPPA UEFA

17 maggio 1972. Alan Mullery segna per il Tottenham Hotspur contro il Wolverhampton Wanderers nel ritorno della prima finale di Coppa UEFA.
17 maggio 1972. Alan Mullery segna per il Tottenham Hotspur contro il Wolverhampton Wanderers nel ritorno della prima finale di Coppa UEFA.Popperfoto via Getty Images

1971/72

La griglia di partenza a 64 squadre della nuova competizione è stabilita per meriti sportivi. Accedono al torneo, infatti, i club più in alto in classifica nei rispettivi campionati che non si sono qualificati per altre competizioni. La Coppa UEFA è un torneo a eliminazione diretta con gare in casa e in trasferta, in cui le squadre devono superare cinque turni per raggiungere il doppio confronto della finale. La prima squadra a vincere la nuova competizione è il Tottenham Hotspur, che tra andata e ritorno supera i connazionali del Wolverhampton Wanderers per 3-2 nel maggio 1972.

1997/98

Il format a eliminazione diretta rimane in vigore, ma la doppia finale viene sostituita da una sfida in gara unica in campo neutro. La prima squadra a vincere è l’Inter, che batte la Lazio per 3-0 a Parigi in un 'derby' italiano.

Highlights finale 2000: il trionfo del Galatasaray
Highlights finale 2000: il trionfo del Galatasaray

1999/2000

La competizione viene allargata per incorporare un ulteriore turno di qualificazione, per un totale di 142 squadre partecipanti provenienti da 49 federazioni UEFA. Tra le formazioni partecipanti ci sono le vincitrici delle coppe nazionali, in seguito alla soppressione della Coppa delle Coppe dopo l’edizione 1998/99, nonché 24 squadre provenienti dalla UEFA Champions League – 16 dalla fase di qualificazione e otto dalla prima fase a gironi.

In questa edizione, due squadre provenienti dalla fase a gironi di Champions League, Galatasaray e Arsenal, raggiungono la finale di Coppa UEFA a Copenaghen; la squadra turca esce vincitrice ai rigori per 4-1 dopo 120 minuti a reti bianche.

2004/05

Viene introdotto un secondo turno di qualificazione, ma il cambiamento principale è l'introduzione di una fase a gironi dopo il primo turno. Vengono formati otto gironi da cinque squadre, con ogni squadra che gioca due partite in casa e due in trasferta contro le quattro avversarie del gruppo. Le prime tre classificate di ogni girone si qualificano ai sedicesimi di finale con partite in casa e in trasferta. A questa fase si aggiungono otto squadre provenienti dalla fase a gironi di Champions League. La prima squadra a vincere con questo format è il CSKA Mosca – prima formazione russa a vincere una competizione UEFA per club - che si impone per 3-1 contro i portoghesi dello Sporting CP proprio all'Estádio José Alvalade, che era stato designato come sede neutrale della partita prima dell'inizio della competizione.

26 settembre 2008

Dopo la riunione di Bordeaux, il Comitato Esecutivo UEFA annuncia che la Coppa UEFA sarà rinominata UEFA Europa League a partire dalla stagione 2009/10, con un nuovo format più simile a quello della Champions League.

UEFA EUROPA LEAGUE

Il trionfo dell'Atlético in Europa League nel 2010
Il trionfo dell'Atlético in Europa League nel 2010

2009/10

Alla prima edizione di Europa League partecipano 192 squadre di 53 federazioni UEFA, con un massimo di quattro squadre per nazione. Tre turni di qualificazione e un turno di spareggio precedono una fase a gironi a 48 squadre composta da 12 gironi da quattro, in cui le squadre giocano in casa e in trasferta contro le tre avversarie del girone. Le vincitrici e le seconde classificate dei 12 gironi avanzano ai sedicesimi di finale insieme alle otto terze classificate della fase a gironi di Champions League.

Dopo quattro turni ad eliminazione diretta con gare d’andata e ritorno, due squadre si qualificano per la finale in gara unica in campo neutro. Nell’atto conclusivo di questa edizione, che si gioca ad Amburgo, l’Atlético Madrid supera 2-1 gli inglesi del Fulham dopo i tempi supplementari.

2014/15

Da questa edizione, i vincitori della UEFA Europa League si qualificano automaticamente per la Champions League della stagione successiva – il Siviglia, vincitore nel 2015, va così in UEFA Champions League nella stagione 2015/16.

2019/20

In seguito alla sospensione temporanea del calcio europeo durante la pandemia di COVID-19, questa edizione di UEFA Europa League viene decisa da uno speciale torneo a otto squadre (Final Eight) che si gioca in Germania. Le squadre si incontrano in partite singole a eliminazione diretta. Il Siviglia supera l'Inter per 3-2 nella finale di Colonia, vincendo il trofeo per la sesta volta dal 2006.