UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Mourinho lascia il segno

José Mourinho si presenta all'Europa guidando l'FC Porto al trionfo in Coppa UEFA dopo una lunga e avvincente finale contro il Celtic a Siviglia.

Mourinho lascia il segno
Mourinho lascia il segno ©UEFA.com

Celtic FC 2-3 FC Porto (dts) 
(Larsson 47' 57'; Derlei 45' 115', Alenichev 57') 
Stadio Olimpico, Siviglia

La Coppa UEFA del 2002/03 ha messo contro due dei più famosi club europei e due dei più interessanti giovani allenatori, José Mourinho del FC Porto, e Martin O'Neill del Celtic FC. Mourinho avrebbe avuto la meglio, annunciando il suo arrivo sulla ribalta europea con una emozionante vittoria ai tempi supplementari sul campo di Siviglia. La finale è stata degna di due tra le migliori squadre della competizione. Henrik Larsson ha chiuso con undici reti, una in meno rispetto a Derlei del Porto la cui rete della vittoria è stata la prima a risolvere l’assegnazione di una Coppa UEFA con il ‘silver goal’.

Quella rete ha suggellato una grande stagione per la squadra di Mourinho. Il Porto ha infatti vinto anche l’accoppiata campionato - coppa in Portogallo. Ispirato dal regista Deco e dalle reti di Derlei, il Porto è arrivato facilmente ai quarti di finale. Da segnalare, fra l’altro, l’8-3 con cui ha liquidato il Denizlispor nel quarto turno. Il Panathinaikos FC si è rivelato avversario ostico nei quarti e si è imposto per 1-0 in Portogallo. Il Porto si è dovuto impegnare a fondo per ribaltare il risultato. Ha raggiunto l’obiettivo imponendosi con il punteggio complessivo di 2-1 e andando a vincere a Atene dopo i tempi supplementari. La SS Lazio, sconfitta 4-1 allo Estádio das Antas, ha opposto meno resistenza e il Porto si è così qualificato per la finale.

A quel punto i portoghesi stavano già festeggiando la loro vittoria in campionato. Il Celtic, comunque, si sarebbe rivelato molto più difficile di alcuni degli avversari portoghesi. Larsson ha messo a segno le sue prime reti siglando una tripletta nella partita del primo turno vinta 8-1 al Celtic Park contro il FK Suduva. Ha poi realizzato una doppietta nel secondo turno contro i Blackburn Rovers FC. Gli scozzesi hanno quindi eliminato RC Celta de Vigo, per la regola dei gol in trasferta, VfB Stuttgart, Liverpool FC e Boavista FC, raggiungendo di conseguenza la loro prima finale europea in 33 anni.

In una emozionante partita in cui il gioco si è sempre sviluppato a fasi alterne sono andati a rete prima Derlei in chiusura di primo tempo e poi Larsson all’inizio della ripresa. Dmitri Alenichev ha riportato in vantaggio il Porto, ma Larsson ha pareggiato quasi immediatamente. L’ultima parola sarebbe spettata comunque ancora a Derlei, che ha segnato la rete della vittoria a cinque minuti dal termine dei supplementari. Mourinho ha definito l’incontro “un grande esempio per quanti amano il calcio”. E anche un esempio di quanto pericoloso sarebbe stato il Porto l’anno successivo in UEFA Champions League…