UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Il Napoli si inchina all'Arsenal

Primo tempo troppo timoroso degli Azzurri, che lasciano Londra con due reti da recuperare: servirà un'impresa al San Paolo.

Highlights: Arsenal 2-0 Napoli
Highlights: Arsenal 2-0 Napoli

Adesso sì che serve un miracolo. Il Napoli cade 2-0 sotto i colpi dell’Arsenal nell’andata dei quarti di finale di UEFA Europa League e vede allontanarsi anche l’ultimo obiettivo stagionale. Troppo forti i Gunners, di ben altra caratura internazionale e capaci di schiacciare gli Azzurri nella propria metà campo nei primi 45 minuti.

Questione di esperienza e personalità: non basta quella di Carlo Ancelotti in panchina, il Napoli soffre la pressione dell’Arsenal Stadium e sbaglia una quantità infinita di palloni a centrocampo. Fabián Ruiz è l’ombra del calciatore ammirato fin qui e neanche il ritorno di Lorenzo Insigne dopo l’infortunio dà la scossa agli Azzurri.

Pronti via, così, e al 15’ i Gunners sono già avanti: Mário Rui perde palla sulla trequarti, Mesut Özil imposta il contropiede sulla destra per Alexandre Lacazette, palla dentro per Ainsley Maitland­-Niles e assist geniale a premiare il rimorchio di Aaron Ramsey che calcia di prima intenzione e buca Alex Meret.

Subito sotto, il Napoli non reagisce e al 25’ l’Arsenal raddoppia. Tutto nasce, ancora una volta, da un errore azzurro in fase d’impostazione: Lucas Torreira ruba palla a Fabián Ruiz, lo salta in bello stile e calcia verso la porta, il tiro non è irresistibile ma trova la sfortunata deviazione di Kalidou Koulibaly e beffa Meret.

Con un piede e mezzo fuori dall’Europa League, il Napoli prova a riorganizzarsi e proprio allo scadere del primo tempo quasi trova la rete che riaprirebbe la pratica qualificazione: sul cross basso di José Callejón, però, Insigne alza troppo la mira e spara alle stelle un calcio di rigore in movimento.

È un altro Napoli quello che riemerge dagli spogliatoi, più determinato e pericoloso in attacco, ma serve tutta la bravura di Meret per evitare la disfatta, al 59’ su Ramsey e al 70’ su Maitland­-Niles. Anche gli Azzurri hanno l’occasione buona per dimezzare lo svantaggio, ma in spaccata Piotr Zieliński non trova la porta al 72’ dopo una bella volata di Insigne sulla destra. Finisce 2-0, tra sette giorni, al San Paolo, servirà un'impresa.