UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

La Lazio recrimina per i troppi errori

"Abbiamo commesso troppi errori, non è possibile andare sotto di due reti dopo 12 minuti", dice Pioli dopo lo 0-3 contro lo Sparta Praga, che condanna i Biancocelesti all'eliminazione. Biglia: "Speriamo che ci serva d'esperienza".

UEL_LAZ-SPA_AMB
UEL_LAZ-SPA_AMB

Eliminata, con tre gol sul groppone. Non è andata secondo i piani della Lazio la sfida contro lo Sparta Praga, costata ai Biancocelesti l’eliminazione dalla UEFA Europa League e i fischi dello Stadio Olimpico per lo 0-3 incassato. Dopo il pesante rovescio il tecnico Stefano Pioli si rammarica per i troppi errori commessi, mentre Lucas Biglia e Senad Lulić recitano il mea culpa.

Stefano Pioli, allenatore Lazio

Affrontavamo una squadra imbattuta che ha sempre fatto molto bene in trasferta. Abbiamo commesso troppi errori, non è possibile andare sotto di due reti dopo 12 minuti: diventa difficile commentare il resto del partita, ma gli avversari sono stati più bravi. Abbiamo lavorato tanto sull’approccio e in Europa avevamo trovato dei rimedi. Tra l’altro abbiamo avuto anche subito un’occasione con Candreva. Sono state commesse troppe ingenuità, in una stagione così negativa poi le difficoltà aumentano e diventa tutto più difficile. Ci si aspettava tanto, ma abbiamo sbagliato la partita.
Il cammino fin qui era stato molto positivo, ma ci sono state troppo disattenzioni in una sfida in cui serviva invece lucidità e attenzione. Sono situazioni che i miei giocatori, vista la qualità, dovrebbero interpretare in modo diverso. Non credo che prima del vantaggio avessimo subito situazioni pericolose. Siamo stati compatti, malgrado la squadra fosse offensiva. Gli episodi poi hanno compromesso la partita. E’ un peccato perché nel primo tempo avevamo mostrato di poter fare male, le nostre occasioni le abbiamo avuto e c’era la possibilità di recuperare. Il 3-0 però era una montagna troppo difficile da scalare.

Lucas Biglia, capitano Lazio
È una vergogna quello che abbiamo fatto. Non abbiamo dimostrato niente, speriamo che questo serva d'esperienza. Dopo il risultato dell’andata non avevamo alcun vantaggio, dovevamo fare qualcosa di più e non l'abbiamo fatto. È una vergogna, sapevamo che era troppo importante per noi; in campionato non è ancora finita, abbiamo una partita importantissima domenica.

Senad Lulić, centrocampista Lazio  
Fuori casa possiamo sfruttare le nostre caratteristiche con giocatori più veloci che permettono di giocare in un altro modo sfruttando il contropiede. Facciamo più fatica quando dobbiamo fare gioco. Oggi lo Sparta ha giocato la partita perfetta, si è messo bene dietro e ripartiva. Ha fatto tre gol su nostri tre errori, questo non deve accadere, specie in Europa. All'andata avevamo fatto un buon risultato, abbiamo avuto un piccolo vantaggio. Perdere così è inaccettabile.
Loro sono ben organizzati e hanno fatto una gara perfetta. Noi non siamo riusciti a fare subito gol con Candreva e Mauri: abbiamo avuto due occasioni, ma perdere così in casa contro lo Sparta non è possibile. È difficile spiegare, forse abbiamo pensato che dopo l'1-1 avevamo passato il turno. Non puoi entrare così in partita. Tenevamo molto alla UEFA Europa League, volevamo essere l'unica squadra a restare in Europa, ma purtroppo siamo usciti anche noi.