UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Giornata 1 Europa Leauge: spunti di discussione

I reporter di UEFA.com analizzano le gare della prima giornata di UEFA Europa League, in cui si sono osservati lo spirito guerriero del Bordeaux, i sentimenti contrastanti del Celtic e il rebus tattico del Monaco.

Moussa Konaté esulta dopo il gol del Sion
Moussa Konaté esulta dopo il gol del Sion ©Getty Images

Volti nuovi
Mentre le tre esordienti nella fase a gironi di UEFA Champions League hanno racimolato appena un punto fra tutte, le otto della UEFA Europa League ne hanno totalizzati nove. Due hanno addirittura vinto: il Sion sul Rubin Kazan (2-1) e il Midtjylland sul Legia Warszawa (1-0).

Il Monaco ha pareggiato 1-1 contro l'Anderlecht, il Qäbälä 0-0 contro il PAOK e il Belenenses ha fermato il Lech Poznań sullo 0-0. Tre hanno perso contro avversarie più esperte: il Groningen si è arreso 3-0 al Marsiglia, lo Skënderbeu ha perso con un onorevole 1-0 contro il Beşiktaş e l'Augsburg si è fatto rimontare sul 3-1 dall'Athletic Club dopo essere passato in vantaggio.

Bordeaux combattivo
Willy Sagnol non era uno che si arrendeva facilmente, e così sono i i giocatori del suo Bordeaux. Il gol di Jussiê all'81' ha regalato alla squadra francese un meritato 1-1 nel Gruppo B contro il Liverpool. Non è la prima volta che la formazione transalpina segna nel finale in questa stagione, avendo già realizzato sei gol su 13 nell'ultimo quarto d'ora.

Molti di questi sono stati anche decisivi, come quello agli spareggi contro il Kairat Almaty che è valso l'accesso alla fase a gironi. "Dimostra la forza e il carattere di questa squadra, ma ci vogliono anche le qualità fisiche", ha commentato Sagnol.
Chris Burke

Sentimenti contrastanti per il Celtic
Tutti pensano che il Celtic sia soddisfatto del pareggio in casa dell'Ajax, ma il centrocampista Nir Bitton smentisce. "Volevamo vincere, soprattutto perché siamo andati sul 2-1, ma tutto sommato anche bene il 2-2", ha commentato.

Le ultime due sostituzioni di Ronny Deila, che ha tolto i centrocampisti James Forrest e Kris Commons per inserire i difensori Tyler Blackett e Saidy Janko, hanno sicuramente incoraggiato l'Ajax ad attaccare ma, come si dice, il fine giustifica i mezzi: i campioni di Scozia hanno lasciato l'Olanda ancora imbattuti e in grado di controllare il proprio destino nel Gruppo A.
Derek Brookman

Bernardo Silva (a destra) durante la gara di giovedì
Bernardo Silva (a destra) durante la gara di giovedì©AFP/Getty Images

Il Monaco cerca il modulo giusto
La partenza di Anthony Martial per il Manchester United ha fatto parlare molto gli appassionati di calcio quest'estate, ma il Monaco si è dato da fare anche con gli acquisti. Ora, il tecnico Leonardo Jardim ha a disposizione diverse alternative in attacco. Contro l'Anderlecht, ben quattro giocatori offensivi erano in panchina e uno di loro, Lacina Traoré, ha segnato il gol dell'1-1.

Jardim deve scegliere il modulo giusto per sfruttare al meglio le sue armi, decidendo tra il 4-3-3 e il 4-2-3-1 visto in Belgio. Bernardo Silva ha dichiarato: "Ci sono molti nuovi giocatori dal grande talento. Con il tempo, le nostre prestazioni miglioreranno sicuramente".
David Crossan

Che succede al Fenerbahçe?
Dato il grande numero di campioni a disposizione, il Fenerbahçe era considerato una delle principali contendenti al titolo in UEFA Europa League. La partita d'esordio nel Gruppo A contro il Molde poteva essere il palcoscenico perfetto per Robin van Persie o Nani, e invece gli ospiti si sono imposti 3-1.

La squadra turca è partita a razzo, creando diverse occasioni in avvio di gara, ma il Molde ha atteso con pazienza e ha sfruttato al meglio le sue opportunità. È presto per dare per spacciata la squadra turca, ma in vista delle trasferte contro Ajax, Celtic e Molde, i campioni dovranno prima o poi salire in cattedra.
Çetin Cem Yılmaz

i tifosi del Dortmund rompono l'ennesimo record
i tifosi del Dortmund rompono l'ennesimo record©Getty Images

I tifosi del Dortmund e il loro feeling col calcio europeo
Il Borussia Dortmund può non essere in UEFA Champions League in questa stagione, ma per i suoi tifosi non sembra essere cambiato nulla. I tedeschi hanno disputato tre partite in casa fino ad ora – contro gli austriaci del Wolfsberg nel terzo turno di qualificazione, contro i norvegesi dell'Odd negli spareggi e contro il Krasnodar nella sfida del Gruppo C di giovedì – e in ogni partita si è registrato un record di presenze.

C'erano ben 55.200 tifosi al BVB Stadion Dortmund per vedere i propri beniamini sconfiggere il Krasnodar per 2-1 e registrare un nuovo record della fase a gironi, precedentemente detenuto dallo Schalke 04 (53.123 tifosi in occasione della sfida con lo Steaua Bucureşti nel 2011/12). Ciò significa che nelle tre partite europee disputate in casa dal Dortmund, un totale di 184.590 sostenitori hanno visto il BVB segnare 14 reti e vincere tutte e tre le gare.