Stramaccioni torna a sorridere

Dopo il 2-0 dell'andata, l'Inter si ripete anche in Romania sfoderando una convincente prestazione contro il Cluj e volando agli ottavi di finale: "E' stata una grandissima risposta della squadra", ammette Stramaccioni.

Stramaccioni torna a sorridere
Stramaccioni torna a sorridere ©Getty Images

Andrea Stramaccioni ritrova e riscopre il dolce sapore della vittoria, ma soprattutto il profumo di una buona Inter. Un brillante successo per 3-0 in Romania contro il CFR 1907 Cluj che spinge prepotentemente i Nerazzurri agli ottavi di finale di UEFA Europa League e ricarica la squadra in vista dell’attesissimo derby di domenica contro l’AC Milan.

“A parte le defezioni, la mia squadra ha dato una grandissima risposta innanzitutto tornando a vincere in trasferta, ma soprattutto tornando a vincere con una prestazione convincente. Questo è un segnale importante”, afferma il tecnico romano. “Parlare di effetti positivi? Potremmo dire che oggi eravamo tutti carichi di rabbia e amarezza dopo la partita contro la Fiorentina. Sapevamo che noi non siamo noi quelli di Firenze”.

“Volevamo una risposta su questo campo contro una squadra che ha fatto la Champions League e che doveva ribaltare il risultato dell'andata. È uscita una buona prestazione chiusa nel primo tempo", ha aggiunto. Una vittoria che fa bene al morale dei Nerazzurri che incroceranno nel prossimo turno il Tottenham Hotspur FC, “un’avversario di grandissimo valore, da Champions League”, come sostiene Stramaccioni che tuttavia aggiunge: “Ma noi siamo l'Inter e ci faremo valere”.

Diverse le annotazioni positive della serata, tra cui la doppietta di Fredy Guarín e la rete del giovane Marco Benassi, ma anche una nota stonata, l’infortunio di Andrea Ranocchia. “E’ la nota negativa della serata – continua il tecnico -. Non so ancora dare notizie sulle sue condizioni, ma posso dire che non ci voleva e che in questo senso siamo molto sfortunati”.

Un'assenza che potrebbe risultare determinante in chiave derby, ma che non spaventa e non cancella il sorriso dal volto di Stramaccioni. “Penso che questa squadra abbia più volte dimostrato che anche nei momenti difficili non vuole mollare, sicuramente domenica è stata una brutta partita, adesso giochiamoci il derby a testa altissima. Il Milan è in un ottimo momento, ma le partite bisogna giocarle, ne parliamo domenica sera dopo la partita“.

A fare eco alle parole del mister, ci pensa l'eroe della serata, il colombiano Guarín, autore di una preziosa doppietta e con la testa già rivolta alla sfida di domenica sera a San Siro: "Sono stati due gol importantissimi, quelli di cui avevamo bisogno, anche per arrivare al derby". 

Gioia anche per il giovanissimo Benassi che firma il suo primo gol da professionista sigillando il punteggio della gara sul 3-0 finale all'89': "Provo una soddisfazione enorme per questa rete. È stato importante riprendersi dopo la brutta prestazione di Firenze e ora possiamo guardare concentrati al derby - ammette il 18enne -. Noi crediamo nelle nostre possibilità e andiamo avanti compatti e concreti".