Il Braga tocca nuove vette

Scheda finalista: La formazione portoghese continua a stupire sotto la guida abile di Domingos Paciência raggiungendo la sua prima storica semifinale europea.

SC Braga: Il cammino ©Getty Images

Chi poteva immaginarsi di trovare l'SC Braga a questo punto? Ripetere i risultati del 2009/10, la migliore stagione dalla fondazione del club nel 1921, sembrava un'impresa quasi impossibile, e, invece, sempre agli ordini del tecnico Domingos Paciência - che lascerà il suo incarico a fine stagione - l'ipotesi da remota è diventata realtà. L'ex attaccante dell'FC Porto ha usato la propria esperienza personale in UEFA Champions League per allestire una rosa, composta per lo più da esordienti a questi livelli, per sfidare il meglio del calcio continentale.

Dopo aver insidiato il secondo posto dell'Arsenal FC (finalista nel 2006) nella fase a gironi di UEFA Champions League, la formazione portoghese della regione del Minho ha eliminato Liverpool FC, FC Dynamo Kyiv e i connazionali dell'SL Benfica – 76 titoli nazionali in tre – in UEFA Europa League lungo il cammino verso la sua prima finale in un torneo UEFA. Ora c'è solo l'FC Porto fra il Braga e la conquista del suo secondo trofeo in assoluto.

Titoli in competizioni UEFA per club (secondo posto tra parentesi)
• Coppa Intertoto UEFA: 2008

Titoli nazionali (tra parentesi il più recente)
Coppa di Portogallo: 1 (1966)

Precedenti semifinali di Coppa UEFA Cup/UEFA Europa League
Nessuna

Ranking per club UEFA  
28° (l'FC Porto è nono)

Capocannoniere
Campionato: Lima 6
Europa: Lima e Alan 2

Punti di forza e punti deboli
La pioggia di gol nel successo del Braga per 4-3 fuori casa contro il Sevilla FC nel ritorno dello spareggio di  UEFA Champions League ha annunciato la squadra di Paciência all'Europa, ma ne ha svelato anche la vocazione di squadra di contropiedisti, grazie alla velocità di Lima, Paulo César e Alan sulle fasce. In questo modo il Braga riesce a sopperire in parte all'assenza di un vero centravanti, che poi è anche il tallone d'Achille del Braga. L'addio di Matheus a gennaio per l'FC Dnipro Dnipropetrovsk ha accentuato il problema. Il brasiliano aveva segnato tre gol nella fase a gironi di UEFA Champions League, di cui due nel successo contro l'Arsenal all'Estádio Municipal.

Momento chiave
Essere uscito imbattuto da Anfield il 17 marzo ha rappresentato un punto di svolta per il Braga. Dopo il pesante 6-0 nella precedente trasferta inglese all'esordio nella fase a gironi di UEFA Champions League sul campo dell'Arsenal, il pari sul campo del Liverpool ha dato al Braga la consapevolezza di poter competere con le grandi d'Europa anche lontano dalle mura amiche. "Sapevamo che il ritorno sarebbe stato molto diverso – ha spiegato il centrocampista Hugo Viana a UEFA.com al termine della gara -. Per questo quel risultato ci riempie d'orgoglio".

Eroe per caso
Il principale merito del tecnico Paciência nella conquista della storica semifinale è stato forse quello di continuare a far crescere la squadra nonostante la perdita di giocatori chiave durante il mercato invernale. Oltre a Matheus, anche il difensore Moisés, autore del gol-partita alla quarta giornata contro l'FK Partizan, è partito a gennaio. Il suo posto è stato preso dal possente Paulão, ennesima pedina della folta colonia brasiliana del Braga. Dopo essere stato vicino a un trasferimento in Cina, il 28enne Paulão è diventato un pilastro dell'undici del Braga. Forte della presenza di Paulão nel cuore della retroguardia, il Braga ha subito tre gol nelle ultime sei partite di UEFA Europa League.

Stato di forma
Posizione in campionato: 3 (Ultime cinque partite: PPPVV)
Il Braga ha faticato a bissare in campionato i risultati senza precedenti della stagione 2009/10, quando è andato vicino (solo cinque punti) a diventare la sesta formazione portoghese a vincere il titolo nazionale. Il Braga è attualmente staccato di 35 punti dai neo campioni del Porto, ma resta aggrappato al terzo posto. Il punto di forza del Braga è il fattore campo. Su nove partite europee giocate lontano dall'Estádio Municipal in questa stagione, la squadra ha ottenuto solo due successi, perdendo cinque volte.

Statistica chiave
Il Braga ha mantenuto inviolata la propria porta in sette delle otto gare casalinghe europee di cui sopra. L'unica eccezione è rappresentata dallo Shakhtar, vittorioso 3-0 a settembre.

Cosa dicono gli avversari
Jorge Jesus, allenatore Benfica:

Affrontare il Braga è difficile come giocare contro Porto o Sporting, ormai è una squadra che fa parte dell'elite del calcio portoghese. In difesa sono molto organizzati e in contropiede sono micidiali.