Napoli, il bicchiere è mezzo pieno

Mai pareggio fu più bello. Ne è convinto Mazzarri, soddisfatto nonostante lo 0-0 casalingo contro il Villarreal: "Il comportamento della squadra è stato eccezionale".

Napoli, il bicchiere è mezzo pieno
Napoli, il bicchiere è mezzo pieno ©Getty Images

Mai pareggio fu più bello. Ne è convinto il tecnico dell'SSC Napoli Walter Mazzarri, soddisfatto nonostante lo 0-0 casalingo contro il Villarreal FC, terzo pari senza reti in cinque partite europee al San Paolo. "Il comportamento della squadra è stato eccezionale - dice alla fine del match - Siamo riusciti a costruire tre o quattro palle gol clamorose, prime tra tutte quella di Edinson Cavani in avvitamento nel primo tempo e quella di Ezequiel Lavezzi nella ripresa".

Eppure soprattutto nella seconda frazione il Napoli è apparso stanco e svuotato. Mazzarri però non fa drammi, anzi: "Bisogna sempre valutare e considerare la forza degli avversari", dice evitando di fare percentuali in vista del return match del Madrigal. "Andremo lì per giocarcela come abbiamo fatto questa sera. Se Cavani avesse segnato nel primo tempo, la partita avrebbe avuto un risvolto diverso".

E invece il centravanti uruguaiano capocannoniere del campionato ha sbattuto contro il muro spagnolo, due volte disinnescato da Diego López, che ricorda così le parate decisive: "Siamo stati fortunati perché il Napoli è arrivato molto vicino al gol, possiamo essere contenti del risultato". Meno contento Joan Capdevila, il terzino campione del mondo con la Spagna: "Il Napoli ha giocato meglio nel primo tempo ma alla fine il pareggio è giusto. Lo 0-0, però, è un risultato molto pericoloso, dovremo essere bravi al Madrigal a non scoprirci troppo".

Che il pareggio a reti bianche piaccia di più al Napoli che al Villarreal lo conferma Hassan Yebda: "Non abbiamo subito gol e questa è la cosa più importante. È un risultato perfetto, adesso andremo in Spagna e proveremo a segnare subito per passare il turno". Per la terza volta quest'anno, però, il gol non è arrivato al San Paolo. Non è bastato neanche l'esordio dal primo minuto di Giuseppe Mascara per sbloccare il Napoli in UEFA Europa League: "Il Villarreal è una squadra di tutto rispetto - spiega l'ex Calcio Catania - Di solito spinge molto con i terzini, oggi invece erano bloccati. Ci abbiamo provato ma non c'erano né spazi né profondità. Adesso dobbiamo restare calmi e andare lì a giocarcela con molta intelligenza".

Sarà la prima trasferta europea di Mascara: "È stata una grande emozione, giocare a 31 anni in una competizione così è un onore, vuol dire che in questi anni hai fatto qualcosa di buono". Chi invece vanta già tante presenze in Europa è Andrea Dossena, protagonista in UEFA Champions League con il Liverpool FC: "In Spagna il Villarreal dovrà scoprirsi un po' di più e noi cercheremo di approfittarne - dice - Andremo al Madrigal con la testa alta".