Si torna a giocare: la UEFA si sta preparando per un ritorno alle sue competizioni d'elite nella massima sicurezza.

Maggiori informazioni >

Mosca e Lech sul velluto

Area Centro-Est : L'FC Moskva vince al suo esordio in Coppa UEFA, mentre il KKS Lech Poznań si impone per 6-0 in una serata di alterne fortune per il calcio svizzero.

Mosca e Lech sul velluto
Mosca e Lech sul velluto ©Getty Images

L'FC Moskva si impone al suo esordio in Coppa UEFA, mentre l'KKS Lech Poznań centra un netto 6-0 in una serata di alterne fortune per le quattro squadre svizzere inserite nel gruppo Centro-Est. Il Grasshopper-Club cede di schianto di fronte al Lech, mentre l'AC Bellinzona ha motivi per essere meno deluso dopo la sconfitta 3-2 sul campo dell'FC Dnipro Dnipropetrovsk. Il 28 agosto l'FC Zürich dovrà assolutamente segnare in casa dell'SK Sturm Graz per passare il turno, mentre il BSC Young Boys è ad un passo dal primo turno dopo aver sconfitto in casa per 4-1 il Debreceni VSC.

Legia Warszawa - FC Moskva 1-2
I moscoviti iniziano bene la loro prima avventura in Coppa UEFA, imponendosi 2-1 in Polonia. Dopo un avvio prudente la squadra russa va in gol due volte all'inizio della ripresa. Al 52' il centrocampista lituano Edgaras Česnauskis sfrutta bene un cross basso e 11' dopo Aleksandr Samedov si procura un'opportunità e non manca il bersaglio. Il Legia reagisce poco dopo, quando Maciej Iwański sfrutta un errore difensivo di Dmitri Godunok e serve Roger Guerreiro, che non sbaglia. Nei minuti finali all'attaccante brasiliano viene annullato il gol del pareggio per fuorigioco.

K IB Ljubljana - Hertha BSC Berlin  0-2
L'Hertha vince agevolmente in Slovenia grazie a due gol di Marko Pantelić ed è già con un piede al primo turno. Dario Zahora impensierisce subito la porta tedesca con un tiro fuori di poco, ma è l'Hertha a passare in vantaggio al 16', quando Pantelić conclude a rete da distanza ravvicinata dopo che Matjaž Rozman aveva mancato l'intervento su un cross di Patrick Ebert. Nella ripresa gli sloveni schierano tre attaccanti, ma è ancora Pantelić ad essere protagonista, firmando il 2-0 a 9' dal termine su servizio di Ebert.

KKS Lech Poznań - Grasshopper-Club 6-0
La formazione polacca riporta la sua vittoria più ampia a livello europeo travolgendo in casa gli avversari svizzeri. L'attaccante peruviano Hernán Rengifo apre le marcature al 5', prima che due gol di Robert Lewandowski mettano al sicuro la squadra di Franciszek Smuda. A 14' dal termine Guillermo Vallori è protagonista di una sfortunata autorete, quindi Dimitrije Injac e Sławomir Peszko chiudono definitivamente i conti. 

BSC Young Boys - Debreceni VSC  4-1
Gli uomini di Vladimir Petković reagiscono dopo essere passati in svantaggio e si impongono sugli ospiti ungheresi. Al 18' Gergely Rudolf va in gol dal dischetto, ma lo Young Boys replica prontamente con Marco Schneuwly, che pareggia poco prima del riposo. Al 68' Alberto Regazzoni porta in vantaggio la squadra di Berna. Nelle battute finali i due autori dei gol elvetici si ripetono, centrando la doppietta personale. 

FC Zürich 1-1 SK Sturm Graz
Gli austriaci colgono un prezioso pareggio in Svizzera grazie a un gol di Mario Haas, mentre lo Zurigo non riesce a sfruttare al meglio l'ottima partenza. I padroni sprecano numerose occasioni, quindi passano meritatamente in vantaggio al 14' con un colpo di testa di Eric Hassli. Lo Sturm, tuttavia, non si arrende e nella ripresa si rende pericoloso con Haas, che si procura un rigore al 78'. Il portiere dello Zurigo Johnny Leoni si oppone al suo tiro dal dischetto, ma il 43 volte nazionale svizzero non sbaglia sulla respinta.

FC Dnipro Dnipropetrovsk - AC Bellinzona 3-2
La formazione di Oleh Protasov ron riesce ad imporsi più nettamente contro gli avversari svizzeri, al loro esordio in Europa. Da poco tornato dall'FC Spartak Moskva, Maxym Kalynychenko porta in vantaggio il Dnipro all'11, centrando il bersaglio spalle alla porta su servizio di Andriy Vorobey. Mauro Lustrinelli e Ikechukwu Kalu sprecano delle occasioni per il Bellinzona, prima che Serhiy Nazarenko realizzi il raddoppio per il Dnipro al 3' della ripresa. Kalu si fa perdonare il precedente errore e dimezza lo svantaggio e poi, atterrato in area, consente a Gürkan Sermeter di pareggiare dal dischetto. Il Dnipro si riporta definitivamente in vantaggio con un potente tiro di Sergei Kornilenko su assist di Maksym Pashayev.

SK Liepájas Metalurgs - SC Vaslui 0-2
Vacillano le speranze di qualificazione al primo turno del Metalurgs dopo la sconfitta in casa contro il Vaslui, vincitore della Coppa UEFA Intertoto. I padroni di casa schierano quattro attaccanti, ma creano appena un'opportunità nel primo tempo, quando Viktors Dobrecovs spreca da buona posizione. Anche nella ripresa il Metalurgs gestisce il gioco, ma si rivelano fatali due errori del nuovo portiere Pavels Šteinbors. Al 70' l'ex nazionale Under 21 della Lettonia viene trafitto da un tiro da 30 metri di Ousmane Ndoye e quattro minuti dopo Stanislav Genchev va a sua volta in gol.

FC Slovan Liberec - MŠK Žilina 1-2
Dopo le sconfitte di SK Slavia Praha e AC Sparta Praha in UEFA Champions League, lo Slovan chiude la settimana nera del calcio ceco in Europa perdendo 2-1 in casa contro gli avversari sloveni. L'ex attaccante dello Slavia Aduato Da Silva porta in vantaggio lo Žilina poco prima dell'intervallo, poi Robert Jež, già nelle file di FC Viktoria Plzeň e FC Marila Příbram, raddoppia al 59'. Tomáš Frejlach va a segno a 5' dal termine per lo Slovan.

FK Sūduva - FC Salzburg 1-4
Il gol segnato da Povilas Lukšys si rivela illusorio per la squadra lituana, in quanto gli ospiti austriaci lasciano Marijampole con tre gol di vantaggio. Al 31' Lukšys indirizza sul secondo palo su cross di Tomas Mikuckis, ma il gol del Sūduva ha l'effetto di svegliare il Salisburgo. Al 42' Ibrahim Sekagya pareggia e, dopo aver fallito una facile occasione al 55', tre minuti dopo Marc Janko si fa perdonare segnando dagli undici metri. Quattro minuti dopo l'attaccante firma il 3-1 ancora su rigore, concesso a seguito di un fallo di Vaidas Slavickas su Johan Vonlanthen, poi tocca al subentrato Louis Ngwat Mahop realizzare la quarta marcatura del Salisburgo.


 

In alto