L'Helsingborg apre la festa svedese

Riepilogo 1: L'Helsingborg approda alla fase a gironi dopo aver ribaltato la sconfitta 5-3 dll'andata, si qualifica anche l'Elfsborg.

Roman Pavlyuchenko, attaccante dello Spartak, lotta con Daniel Forsell
Roman Pavlyuchenko, attaccante dello Spartak, lotta con Daniel Forsell ©Getty Images

Serata da dimenticare per il calcio rumeno, che vede eliminate tutte le proprie rappresentanti già prima della fase a gironi di Coppa UEFA: sia l'FC Rapid Bucureşti che l'FC Dinamo 1948 Bucureşti vengono infatti punite dalla regola dei gol segnati in trasferta. La vera sorpresa della serata, tuttavia, è la qualificazione dell'Helsingborgs IF, che ribalta il 5-3 patito all'andata e spazza via l'SC Heerenveen.

Helsingborgs IF - SC Heerenveen 5-1 (andata 3-5)
Dopo aver subito cinque gol nella gara di andata, l’Helsingborg porta a termine una formidabile rimonta nella gara di ritorno, andando a sua volta a segno per cinque volte e subendo una sola rete. Gli svedesi passano in vantaggio con Henrik Larsson al 20’, poi dilagano grazie ad Andreas Dahl (37’) e Razak Omotoyossi (45’). I gol della sicurezza portano la firma di René Makondele (52’) e ancora di Omotoyossi (81’), mentre gli ospiti si consolano con la rete della bandiera di Gerald Sibon a 1’ dal fischio finale.

IF Elfsborg - FC Dinamo 1948 Bucuresti 0-1 (andata 2-1)
La Svezia festeggia anche la qualificazione dell’Elfsborg, capace di eliminare la Dinamo Bucarest. Nonostante il successo 2-1 ottenuto all’andata in Romania, i campioni svedesi soffrono la grinta avversaria e poco dopo la mezzora devono capitolare davanti a Ionel Danciulescu, a segno dal dischetto. Gli ospiti, tuttavia, non riescono a trovare la rete del raddoppio e la squadra di Magnus Haglund accede alla fase a gironi in virtù della regola dei gol segnati in trasferta.

Kayseri Erciyesspor - Club Atlético de Madrid 0-5 (andata 0-4)
Gli iberici bissano anche in Turchia il largo successo ottenuto all’andata. Sergio Agüero apre le marcature al 6’, mentre il raddoppio ospite arriva al 14’ su colpo di testa di José Manuel Jurado, ben imbeccato da Luis García. Agüero si ripete poco prima dell’intervallo e nella ripresa le reti di Maxi Rodríguez (rigore) e Diego Forlán suggellano la più facile delle vittorie.

FC Rapid Bucureşti - 1. FC Nürnberg 2-2 (andata 0-0)
Dopo lo 0-0 ottenuto in casa, i tedeschi accedono alla fase a gironi in virtù della regola dei gol segnati in trasferta, al termine di una sfida assai combattuta. Jaromír Blažek, estremo difensore del Norimberga, compie tre interventi decisivi, negando il gol a Césinha, Mugurel Buga e Pierre Boya, ma al quarto d’ora deve capitolare di fronte a un colpo di testa dello scatenato Césinha. Gli ospiti pareggiano al 22’ con Peer Kluge, bravo ad eludere la trappola del fuorigioco, e passano addirittura in vantaggio con Zvjezdan Misimović al 10’ della ripresa. Il Rapid agguanta il pareggio con Costin Lazar nel recupero, ma è ormai troppo tardi per tentare il sorpasso.

Anorthosis Famagusta FC - Tottenham Hotspur FC 1-1 (andata 1-6)
Un gol nel finale del subentrato Robbie Keane permette al Tottenham, già sicuro di accedere alla fase a gironi, di evitare la sconfitta in terra cipriota. Nonostante il pesantissimo 6-1 patito all’andata, l’Anorthosis non rinuncia a giocare e a inizio ripresa trova il vantaggio grazie a Fabio de Matos Pereira. Gli ospiti sprecano numerose occasioni per il pareggio con Jermain Defoe, ma nel finale recuperano grazie alla zampata di Keane.

FC Lokomotiv Moskva - FC Midtjylland 2-0 (andata 3-1)
Due bordate dalla distanza di Diniyar Bilyaletdinov e Vladimir Maminov regalano alla Lokomotiv Mosca un agevole passaggio alla fase a gironi. I padroni di casa passano in vantaggio già al 10’ grazie a Bilyaletdinov, la cui conclusione dal limite dell’area si insacca all’incrocio dei pali. 5’ più tardi, Maminov trafigge per la seconda volta Martin Raška con un gran tiro dai 25 metri. Unica nota stonata nella serata della Lokomotiv, l’uscita dal campo di Sergei Yefimov già prima dell’intervallo a causa di una frattura del setto nasale.

Hamburger SV - PFC Litex Lovech 3-1 (andata 1-0)
Sospinto dagli oltre 40.000 tifosi accorsi allo stadio, l’Amburgo centra, non senza soffrire, l’accesso alla fase a gironi della competizione. Il Litex passa in vantaggio per primo, al 38’, con Robert Popov, ma i tedeschi pareggiano 2’ più tardi grazie a una spettacolare rovesciata di José Paolo Guerrero e a inizio ripresa si portano in vantaggio sfruttando un errore della difesa avversaria. Il 3-1 finale per l’Amburgo viene siglato da Rafael van der Vaart a 18’ dal fischio finale.

Odense BK - AC Sparta Praha 0-0 (andata 0-0,  4-3 dcr)
Dopo 210' senza reti, lo Sparta deve ricorrere ai calci di rigore per avere la meglio sull'Odense, centrando l'accesso alla fase a gironi del torneo per la seconda stagione consecutiva.

Vålerenga IF - FK Austria Wien 2-2 (andata 0-2)
All’Austria Vienna basta un pari per agguantare la qualificazione alla fase a gironi. Forti del successo ottenuto all’andata, gli ospiti passano a condurre a metà del primo tempo grazie a una conclusione dalla distanza di Saniel Kuljic, ma il Vålerenga pareggia al 5’ della ripresa con Freddy Dos Santos, magistralmente imbeccato da Daniel Holm. I padroni di casa operano il sorpasso all’87’, grazie a un’autorete di Jacek Bak, ma una conclusione dai 20 metri di Milenko Acimovic in pieno recupero riporta la gara in equilibrio.

BK Häcken - FC Spartak Moskva 1-3 (andata 0-5)
Lo Spartak si qualifica senza patemi, centrando un rotondo successo in Svezia grazie a Yegor Titov, Nikita Bazhenov ed Artem Dzyuba. Gli ospiti passano in vantaggio nelle prime fasi con Titov e raddoppiano con Bazhenov a 12' dal fischio finale. L'Häcken accorcia le distanze con Jonas Henriksson, ma alla fine l'ultima parola è quella di Dzyuba.