Metti fuorigioco il COVID-19 seguendo i cinque punti dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e della FIFA per aiutare a fermare la diffusione della malattia.

1. Lavarsi le mani 2. Tossire sul gomito piegato 3. Non toccarsi il viso 4. Mantenere la distanza fisica 5. Stare a casa in caso di malessere.
Maggiori informazioni >

Valencia: elogio della difesa

Valencia: elogio della difesa
Valencia: elogio della difesa ©Getty Images

In un'edizione del torneo caratterizzata da grandi prestazioni difensive, il centrale del Valencia CF Benito Carboni diventa il giocatore più anziano a conquistare la Coppa UEFA, all’età di 39 anni e 43 giorni. Gli iberici si impongono 2-0 sull’Olympique de Marseille nella finale di Göteborg grazie alle reti di Vicente Rodríguez e Mista, ma l’autentico marchio di fabbrica degli uomini di Rafael Benítez va ricercato nell’impermeabilità della linea arretrata.

La rivelazione Gençlerbirligi
Il Valencia subisce appena cinque reti in 13 partite, collezionando una sola sconfitta, quella contro la rivelazione Gençlerbirligi SK. Il club turco era stato capace di eliminare Blackburn Rovers FC, Sporting Clube de Portugal e Parma FC, prima che un gol di Vicente nei supplementari ne arrestasse la corsa al quarto turno. Nei quarti gli iberici superarono poi l’FC Girondins de Bordeaux, quindi ebbero la meglio sul Villareal CF in semifinale grazie a un gol di Mista, l’unico messo a segno complessivamente nel doppio confronto.

Drogba mattatore
Anche il Marsiglia, approdato in Coppa UEFA dopo il terzo posto nel proprio girone di UEFA Champions League, si guadagna la finale grazie alle ottime prestazioni della propria retroguardia, mentre sul fronte offensivo è Didier Drogba a farla da padrone. Il bomber ivoriano mette a segno ben sei reti complessive contro FC Dnipro Dnipropetrovsk, Liverpool FC, Internazionale FC e Newcastle United FC. I francesi subiscono soltanto due gol, entrambi nel doppio confronto contro il LIverpool.

Doppietta per il Valencia
La difesa a tre dell’OM aveva saputo tenere a bada le bocche da fuoco di Inter e Newcastle, ma contro il Valencia non c’è storia. L’estremo difensore Fabien Barthez, unico sopravvissuto dal trionfo del club francese in UEFA Champions League datato 1993, commette un fallo da rigore poco prima dell’intervallo e viene espulso. Vicente si dimostra infallibile dal dischetto e nella ripresa gli iberici chiudono i conti, centrando così la doppietta Coppa UEFA-campionato nazionale.

In alto