UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Come è stata vinta (e persa) la finale di Champions League 2021

I reporter di UEFA.com analizzano la gara tra Chelsea e Manchester City e individuano i fattori decisivi.

Thomas Tuchel bacia la coppa
Thomas Tuchel bacia la coppa

ll Chelsea ha vinto la finale di UEFA Champions League 2021 battendo il Manchester City per 1-0 con gol di Kai Havertz, conquistando il suo secondo titolo.

Jon Phipps e Matthew Howarth, reporter di UEFA.com del Chelsea e del City, spiegano i fattori che hanno deciso la sfida di Oporto.

La finale di Champions League minuto per minuto

Come è stata vinta la finale

Una difesa rocciosa

Kai Havertz ha deciso la finale
Kai Havertz ha deciso la finaleGetty Images

È stato il nono clean sheet nel torneo per il portiere Edouard Mendy, che in finale ha dovuto effettuare solo una parata grazie al lavoro dei compagni di reparto: ottime le chiusure di Antonio Rüdiger e Andreas Christensen. In fase di non possesso, il Chelsea è stato immenso, portando 11 uomini dietro la palla e impedendo al Manchester City di giocare quel calcio che finora era stato così efficace.

Il contributo dei tedeschi

Arrivato a gennaio, Thomas Tuchel ha trasformato il Chelsea in una squadra difficile da battere e ha raccolto ben presto i frutti del suo lavoro. Rüdiger è stato impeccabile per tutta la fase a eliminazione diretta, e mentre Timo Werner e Kai Havertz non avevano ancora reso al massimo, si aveva la sensazione che prima o poi avrebbero avuto un peso. Eccezionali i loro movimenti nel primo tempo: il gol decisivo è arrivato proprio grazie a un taglio di Havertz.

Jon Phipps, reporter Chelsea

Come è stata persa la finale

Cambio fatale

Kevin De Bruyne è uscito al quarto d'ora della ripresa
Kevin De Bruyne è uscito al quarto d'ora della ripresaGetty Images

Pep Guardiola aveva una squadra consolidata prima della finale, ma a Oporto ha tentato la sorpresa e ha schierato Raheem Sterling titolare. Questo cambio di formazione, e dunque di modulo, ha lasciato il City senza un vero centrocampista difensivo: una mossa che è costata cara in occasione del gol. Mentre Werner portava John Stones fuori posizione, Oleksandr Zinchenko non riusciva a fermare Havertz, che si involava a rete.

L'uscita di De Bruyne

Sicuramente il City non è stato molto pericoloso con De Bruyne in campo, ma l'uscita del belga nell'ultima mezz'ora è stata un duro colpo, soprattutto dal punto di vista psicologico. Con De Bruyne, forse i Citizen avrebbero assediato in massa il Chelsea, arroccato in difesa. Senza di lui, una gara già difficile è diventata ancora più complicata.

Matthew Howarth, reporter Manchester City