UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Finale di Champions League: Di María e il deja vu di Lisbona

L'attaccante parigino ha raccontato a UEFA.com il suo sogno di vincere la sua seconda Champions League nella capitale portoghese.

Ángel Di María celebrates scoring against Real Madrid on matchday 1
Ángel Di María celebrates scoring against Real Madrid on matchday 1 Icon Sport via Getty Images

La tensione sarà alle stelle domenica all'Estádio do Sport Lisboa e Benfica per la finalissima di UEFA Champions League, ma uno dei protagonisti della sfida si sentirà certamente un po' a casa. L'attaccante del Paris Saint-Germain Ángel Di María ha, infatti, sfoggiato tutto il suo talento proprio in quello stadio durante le tre stagioni con la maglia del Benfica – prima di farvi ritorno con il Real Madrid nella finale di Champions League vinta nel 2014.

Migliore in campo contro l'Atlético Madrid in quell'indimenticabile notte per i Blancos, il 32enne argentino ha ora un altro appuntamento con il destino. Dopo avere segnato tre gol e confezionato sei assist durante la cavalcata europea del Paris, Di María sarà uno dei giocatori chiave della sfida di Lisbona mentre il club francese sogna di conquistare la sua prima Champions League contro il Bayern Monaco.

Sulla possibilità di alzare ancora il trofeo a Lisbona

Riuscirà Di María a essere ancora decisivo a Lisbona?
Riuscirà Di María a essere ancora decisivo a Lisbona?

Sarebbe molto speciale, molto importante per me e per la mia carriera. Quando hanno spostato la sede a Lisbona, ho avuto una strana sensazione dentro di me che mi ha riportato alla mente i momenti che ho trascorso qui durante i tre anni al Benfica e la felicità vissuta in quegli anni.

Poi, riuscire ad arrivare ad una finale e scrivere la storia con un club come il Paris - che ha raggiunto la sua prima finale - e avendola già vinta nel 2014 con il Real Madrid nello stesso stadio... Avere, inoltre, la possibilità di giocare quarti e semifinali all'Estádio da Luz, così come la finale... È stata una grande combinazione di elementi, è stato davvero fantastico.

Sulla crescita del Paris

Grandi giocate di Neymar, Mbappé e Di María
Grandi giocate di Neymar, Mbappé e Di María

Ho sempre fatto parte di una squadra incredibile, dal momento in cui sono arrivato [nel 2015]. Abbiamo avuto fantastici gruppi di giocatori, ma a volte le cose non funzionano per un motivo o per l'altro. Questa volta, non solo io ma tutti nel club possono dirti che c'è una grande atmosfera: c'è una buona energia tra le persone che lavorano all'interno del club, i giocatori, lo staff tecnico, il team medico, tra tutti insomma.

C'è stata un'atmosfera incredibile fin dall'inizio dell'anno e penso che questo sia la ragione dei nostri successi: il campionato, le due coppe [Coppa di Francia e Coppa di Lega] e la Supercoppa all'inizio della stagione. Siamo ad un passo dal concludere un anno incredibile, ma è un passo difficile perché il Bayern è una squadra tosta. Sono sicuro che questa sarà una grande finale.

Sul Bayern Monaco

Paris v Bayern: Their previous meetings
Paris v Bayern: Their previous meetings

Sono tosti, sono una squadra davvero ben organizzata e penso che questa sia la loro undicesima finale di Coppa dei Campioni. Non sarà affatto facile. Hanno giocatori molto esperti, giocatori che hanno vinto i Mondiali, giocatori che giocano ad un livello molto alto. Cercheremo di fare del nostro meglio come abbiamo sempre fatto fino ad ora.

Sappiamo che hanno giocatori fantastici, giocatori in uno stato di forma incredibile, ma abbiamo anche noi ottimi giocatori. Il nostro sistema di gioco, il nostro modo di giocare... penso che abbiamo un gruppo che merita di vincere la Champions League.

Sull'allenatore Thomas Tuchel

Tuchel su Neymar
Tuchel su Neymar

È un grande allenatore. La cosa più importante per lui come allenatore è il gruppo. Ha costruito una bella squadra ed è questo che ci ha permesso di arrivare in finale e vincere tutte le gare che abbiamo vinto. Raggiungere la finale di Champions League dimostra che ha fatto davvero bene con la squadra.

È normale che ci siano giocatori che non sono così felici quando non giocano, ma penso che abbia sempre cercato di fare giocare tutti nel miglior modo possibile. Il club si è fidato di lui dopo la scorsa stagione quando abbiamo vinto solo il campionato e abbiamo perso le altre due competizioni, venendo eliminati dal Manchester United. Il club sapeva che poteva farcela.

Sull'importanza per il Paris di vincere il primo titolo europeo

Highlights: Leipzig 0-3 Paris
Highlights: Leipzig 0-3 Paris

È una sensazione speciale. L'ho constatato dopo aver vinto la semifinale, con video di persone a Parigi - sugli Champs-Élysées, alla Torre Eiffel, all'Arco del Trionfo. Penso che sia molto speciale per tutti i parigini. È un traguardo che il club cercava di raggiungere da anni: arrivare a una finale di Champions League. Penso che sia giunto il momento. Se vinciamo questo trofeo per la prima volta con il Paris, diventeremo parte della storia del club.

Saremo per sempre ricordati perché sarebbe il primo titolo europeo. Ho vinto il decimo titolo del Real Madrid ed è stato qualcosa di incredibile per il club. Vincere un primo titolo qui sarebbe indimenticabile per me a livello personale, perché è stato il mio obiettivo da quando sono arrivato.