UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Solo la perfezione per Di Matteo

Il tecnico del Chelsea ha spiegato che servirà la perfezione per impedire al Barcellona di fare risultato sul campo dove è iniziato il grande feeling dei catalani con la UEFA Champions League.

John Terry e Juan Mata del Chelsea in allenamento
John Terry e Juan Mata del Chelsea in allenamento ©AFP/Getty Images

Roberto Di Matteo ha spiegato che al suo Chelsea FC serviranno "due prestazioni perfette" per soffiare all'FC Barcelona il posto in finale di UEFA Champions League. I Blues hanno subito una sola sconfitta in 12 gare sotto la guida del nuovo tecnico, ma anche i catalani sono in grande spolvero, con Lionel Messi che è salito a quota 41 gare stagionali nella Liga e ha propiziato l'11esimo successo consecutivo dei Blaugrana in campionato. La supersfida contro il Real Madrid CF incombe, ma Josep Guardiola preferisce prendere ispirazione dal passato, ovvero dalla semifinale di tre stagioni fa vinta grazie a un gol in pieno recupero di Andrés Iniesta.

Chelsea
Roberto Di Matteo
Sappiamo che serviranno due partite perfette, ma i risultati delle scorse sei settimane ci danno fiducia. Il morale della squadra è ottimo e credo che il successo di domenica sia stato il miglior viatico per questa sfida. I giocatori sono molto motivati e il gruppo è molto affiatato.

Non siamo l'avversaria ideale per il Barcellona, i risultati del passato lo dimostrano. Il nostro modo di giocare li mette in difficoltà. Ci rispettiamo reciprocamente e la gara di mercoledì non sarà a senso unico. Abbiamo già dimostrato di sapere creare problemi al Barcellona.

Servirà una grande prestazione di squadra per fermare [Messi], ma se ci concentreremo solo su di lui ci saranno altri nove giocatori pronti a colpirci. Dovremo limitare il Barcellona in generale, non solo Messi. Per qualsiasi allenatore affrontare il Barcellona rappresenta la sfida più grande.

Risultati del finesettimana
Domenica: Tottenham Hotspur FC - Chelsea 1-5
(Bale 56'; Drogba 43', Mata 49', Ramires 77', Lampard 81', Malouda 90'+4) 
 
Čech; Bosingwa, Luiz (Cahill 59'), Terry, Cole; Mikel, Lampard; Ramires (Malouda 82'), Mata, Kalou; Drogba (Torres 84')

• Il Chelsea, vincitore di tre FA Cup nelle ultime cinque stagioni, ha superato il Tottenham e ha prenotato un posto per la finale del 5 maggio contro il Liverpool FC. I Blues hanno perso solo due degli ultimi 32 incontri di FA Cup, uno dei quali ai rigori.

Ultime dagli spogliatoi
David Luiz è indisponibile per un infortunio al bicipite femorale riportato nel fine settimana, mentre Ashley Cole rientra dopo un problema alla caviglia. Ryan Bertrand (polpaccio) e Oriol Romeu (indisposizione) sono indisponibili, mentre John Terry potrà scendere in campo nonostante due costole incrinate.

Barcellona
Josep Guardiola
Il Chelsea non è cambiato molto [dal 2009]. I giocatori-chiave sono gli stessi e lo spirito della squadra è rimasto intatto. Meritano rispetto, perché  in questi anni sono arrivati in semifinale di Champions League con una certa regolarità.

Ricordo che la sfida [del 2009] fu molto combattuta. La gara di andata fu difficile per noi, perché il Chelsea difendeva molto bene, mentre al ritorno loro puntarono tutto sul contropiede e noi fummo costretti a giocare l'ultima mezz'ora in dieci uomini. Quello era il nostro primo anno insieme, riuscimmo comunque a trovare il gol-qualificazione; il resto è storia.

Siamo concentrati sulla gara di domani; solo dopo cominceremo a pensare al Clásico. Giocare due gare così importanti una dopo l'altra è una specie di sogno. Voglio essere sicuro che i miei giocatori siano pronti e che capiscano quale privilegio sia avere l'opportunità di disputare sfide del genere.

Il Chelsea è una squadra molto forte, anche se non ha disputato un buon campionato, e batterla non sarà facile. In Champions League ha ottenuto cinque successi su cinque in casa, spuntarla non sarà facile.

Risultati del finesettimana
Sabato: Levante UD - Barcellona 1-2 (Barkero 23'rig.; Messi 64' 72'rig.)
Valdés; Puyol, Mascherano, Adriano; Thiago, Busquets, Xavi (Cuenca 46'), Fàbregas; Alexis Sánchez (Alves 76'), Messi, Pedro (Iniesta 54')

• Lionel Messi è andato a segno nella decima gara di campionato consecutiva e ha permesso ai Blaugrana di rimanere a quattro punti dal Real Madrid CF capolista. AAndrés Iniesta ha collezionato la presenza numero 400 e il Barcellona ha vinto l'11esima partita di fila di Liga.

Ultime dagli spogliatoi
Gerard Piqué e Daniel Alves (coscia) sono nuovamente disponibili al contrario di Seydou Keita, rimasto a casa per un infortunio simile. Ibrahim Afellay ha recuperato da una lesione ai legamenti del ginocchio, mentre David Villa è ancora indisponibile per la frattura riportata a dicembre. Andreu Fontàs (ginocchio) è assente per il resto della stagione.

Statistiche
L'ultima visita del Barcellona a Londra risale alla vittoriosa finale di UEFA Champions League dello scorso anno contro il Manchester United FC. Il bilancio complessivo dei Blaugrana contro le squadre inglesi è di 24 vittorie, 18 pareggi e 16 sconfitte, ma quello esterno è meno positivo con sei vittorie, otto pareggi e 13 sconfitte.

Contenuti attinenti