UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Favola milanese per Doumbia

L'attaccante rivive con gioia il 2-1 sull'Inter che ha regalato al CSKA Mosca la qualificazione agli ottavi di finale. "Abbiamo lottato con le unghie e con i denti fino alla fine", ha detto a UEFA.com.

Favola milanese per Doumbia
Favola milanese per Doumbia ©UEFA.com

Seydou Doumbia rivive con gioia il 2-1 sull'FC Internazionale Milano che ha permesso al PFC CSKA Moskva di conquistare un posto agli ottavi di finale.

Per qualificarsi, la squadra di Leonid Slutski doveva battere i nerazzurri e sperare in un pareggio tra LOSC Lille Métropole e Trabzonspor AŞ. Saputo il risultato della partita in Francia', l'autore del primo gol e i compagni si sono lasciati andare a una grande festa.

"Sono molto felice perché aspettavo questo momento. Abbiamo lottato con le unghie e con i denti fino alla fine - commenta Doumbia a UEFA.com -. Nell'intervallo ho dato un'occhiata al telefono per vedere il risultato a Lille, che era ancora sullo 0-0, e mi sono detto: 'Ora devi dare il massimo per 45 minuti, perché non si sa mai'. E poi sappiamo com'è andata..."

Al 5' della ripresa, Doumbia stava già festeggiando con Vágner Love: "Non segnavo da due partite, quindi è stato un piacere. Ieri, in allenamento, mi sono guardato intorno e ho pensato che mi sarebbe piaciuto segnare qui, perché è un bellissimo stadio".

Purtroppo per l'attaccante ivoriano, Esteban Cambiasso ha riportato il risultato in parità dopo circa un minuto. A 5' dalla fine, Diego Milito ha colpito una traversa da pochi passi, mentre il CSKA ha raddoppiato dopo meno di un minuto con un colpo di testa di Vasili Berezutski.

"Segnare un gol e subirne un altro in 30 secondi è difficile da accettare - conclude Doumbia -. Ma siamo rimasti concentrati e abbiamo cercato il secondo gol, senza darci per vinti. Quando ho segnato ero contento ma non troppo, perché non sapevamo ancora cosa stesse accadendo a Lille, ma al triplice fischio siamo letteralmente esplosi".