UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Si parte con Barcellona-Milan

Inizia una nuova stagione di UEFA Champions League, che il 13/14 settembre propone la prima giornata di incontri. Tutti i riflettori sono puntati sulla sfida tra Barcellona e Milan.

Il milanista Marcel Desailly affronta il blaugrana Romário nella finale di UEFA Champions League 1994
Il milanista Marcel Desailly affronta il blaugrana Romário nella finale di UEFA Champions League 1994 ©Getty Images

Esattamente 110 giorni dopo la finale di Wembley, inizia una nuova stagione di UEFA Champions League, che il 13/14 settembre propone la prima giornata di incontri. Tutti i riflettori sono puntati sulla sfida tra FC Barcelona e AC Milan.

Fra le altre partite di rilievo di martedì, l'FC Porto detentore della UEFA Europa League affronta l'FC Shakhtar Donetsk. 24 ore dopo, in un'intrigante Gruppo A, il Manchester City FC esordisce in Champions League contro l'SSC Napoli, mentre il Villarreal CF ospita l'FC Bayern München. Proprio a Monaco il torneo si concluderà il 19 maggio 2012.

Scontro fra titani
Nel 1994, il Milan ha lasciato un segno indelebile in UEFA Champions League travolgendo il Barcellona in finale per 4-0. Quasi due decenni dopo, sono i blaugrana a dettare legge in Europa. La squadra di Josep Guardiola inizia la difesa del titolo in casa contro quella di Massimiliano Allegri e cerca la decima vittoria in 11 partite casalinghe nella competizione. L'incontro serve anche da barometro per le possibilità dei rossoneri, che non superano gli ottavi dall'ultimo trionfo del 2007.

Si torna in scena
Sia Manchester City che Napoli sono resuscitate in pochi anni dopo essere precipitate negli abissi della terza divisione. I tempi bui appartengono ormai al passato e le due squadre si affrontano nel Gruppo A. I partenopei tornano nella massima competizione europea per club dopo 21 anni di assenza, mentre il City manca vi manca addirittura dal 1968. Per chi tiferà Diego Maradona? Per la squadra che lo ha fatto entrare nella leggenda o per quella del genero Sergio Agüero?

Sfida d'acciaio
In rumeno, Oţelul significa "acciaio": proprio quello di cui ha bisogno l'Oţelul Galaţi FC nella sua stagione d'esordio fra le regine d'Europa. Oltre al fatto che nessun club rumeno è mai finito fra le prime due nei gironi di Champions League, per la squadra di Dorinel Munteanu (che schiera solo un giocatore con esperienza nel torneo) sarebbe quasi miracolo sopravvivere in un gruppo che comprende anche Manchester United FC, SL Benfica ed FC Basel 1893, primo avversario.

Vecchi amici
La prima giornata è anche un'occasione per incontrare i vecchi amici: Tomáš Rosický torna sul campo del Borussia Dortmund con l'Arsenal FC, mentre i milanisti Gianluca Zambrotta, Zlatan Ibrahimović e Mark van Bommel ritrovano il Barcellona e Michael Ballack rivede il Chelsea FC con il Bayer 04 Leverkusen. A rubare la scena, però, è André Villas-Boas, quinto allenatore del Chelsea che cerca di conquistare quello che per Roman Abramovich è il Santo Graal: la UEFA Champions League. Il tecnico portoghese, vincitore dell'Europa League la scorsa stagione con il Porto, cerca ora di riuscire dove i suoi predecessori (Claudio Ranieri, José Mourinho, Luiz Felipe Scolari, Avram Grant, Guus Hiddink e Carlo Ancelotti) non ce l'hanno fatta in nove tentativi.

10, il numero perfetto?
I riflettori, in ogni caso, non si allontaneranno da Mourinho, che prova a regalare al Real Madrid CF la decima Coppa dei Campioni 10 anni dopo l'ultima vittoria. Semifinalista la scorsa stagione, il tecnico portoghese sa che con un trionfo del Real meriterebbe un capitolo a parte nei libri di storia, poiché diventerebbe l'unico ad averla vinta con tre squadre diverse dopo i successi con Porto ed FC Internazionale Milano.

La statistica
In Champions League, il Manchester United non subisce gol fuori casa da 540 minuti. In realtà sono 541 se si conta anche il minuto di recupero della gara persa 2-1 contro il Bayern ai quarti di finale di aprile 2010.

Lo sapevi?
L'FC Viktoria Plzeň, all'esordio nel torneo, proviene dalla terra della birra Pilsner ma ha anche esportato due grandi campioni come Pavel Nedvěd e Petr Čech.

Contenuti attinenti