UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Casillas rimette in corsa il Real

Il capitano del Real ha ammesso che la sua squadra avrà di fronte un "compito difficile" quando dovrà rimontare il 2-0 subito contro il Barça , ma ha detto che la corsa europea "non è ancora finita".

Casillas rimette in corsa il Real
Casillas rimette in corsa il Real ©Getty Images

Il capitano Iker Casillas ha ammesso che Real Madrid CF avrà di fronte un "compito difficile" quando martedì prossimo al Camp Nou dovrà rimontare la sconfitta per 2-0 contro l'FC Barcelona, ma ha detto che la corsa in UEFA Champions League "non è ancora finita".

Dopo aver difeso il pareggio in un primo tempo intenso, i piani del Real sono stati scombinati quando Pepe è stato espulso poco dopo l'ora di gioco, e in seguito sono arrivati i due gol di Lionel Messi. "Sullo 0-0 le due squadre stavano controllando la partita ciascuna a suo modo", ha detto  Casillas. "Il Barça aveva più possesso palla e passaggio mentre noi rispondevamo alla loro pressione provando a colpire in contropiede".

Il numero 1 della Spagna sa che il piano originale del Real è ora in serio pericolo. "Siamo entrati in partita pensando al risultato complessivo", ha ammesso. "Non pensavamo alla partita in casa e al fatto che potesse essere la più importante. Pensavamo che se la partita fosse finita 0-0 qui al Santiago Bernabéu, avremmo potuto andare [al Camp Nou] e segnare, il che avrebbe significato per loro doverne segnare due".

I nove volte campioni d'Europa ora devono riscrivere la sceneggiatura per il ritorno di martedì prossimo ma Casillas è sicuro che, con una tale posta in palio, lui e compagni faranno tutto il possibile per ribaltare il risultato. "La sfida non è finita; è un compito difficile, sì, ma non è ancora finita", ha detto il 29enne. "Lotteremo e daremo tutto sapendo che se riusciamo a ribaltare la situazione all'orizzonte c'è la coppa".

Il centrocampista Xabi Alonso prova le stesse sensazioni. "I giocatori nello spogliatoio sono molto giù di morale ma dobbiamo lasciare che passi un po' di tempo e poi iniziare a preparare il ritorno nella stessa maniera determinata di questa volta", ha spiegato. "Anche se sarà complicato al ritorno noi andremo lì professionalmente, e non sai mai cosa può succedere; il calcio è un gioco che può sempre riservare delle sorprese".