UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Decide Robinho, il Milan mette ko la Juventus

Seconda sconfitta in campionato per i Bianconeri, che dopo essere stati battuti dall'Inter si arrendono ai Rossoneri: decide un rigore del brasiliano alla mezzora. La Fiorentina pareggia 2-2 contro il Torino, Roma corsara a Pescara.

Decide Robinho, il Milan mette ko la Juventus
Decide Robinho, il Milan mette ko la Juventus ©AFP/Getty Images

E’ nel segno dell’AC Milan la supersfida della quattordicesima giornata. A San Siro, i Rossoneri si impongono 1-0 contro la Juventus nell’atteso posticipo e infliggono ai Bianconeri la seconda sconfitta in campionato: decide la gara un rigore di Robinho alla mezzora del primo tempo. Si interrompe a Torino la serie di vittorie consecutive dell’ACF Fiorentina. Contro il Torino FC di Giampiero Ventura, la squadra di Vincenzo Montella conquista un pareggio 2-2 segnando a sei minuti dalla fine e si porta provvisoriamente al secondo posto, a quota 28 punti come l’FC Internazionale Milano ma con una partita in più. Colpo corsaro per l’AS Roma, che passa 1-0 in casa del Pescara.

Il Milan inizia forte e dopo cinque minuti si rende pericoloso con un destro dalla distanza di Mattia De Sciglio, protagonista di un’ottima serpentina. Gianluigi Buffon respinge la conclusione di Kevin-Prince Boateng, mentre i Bianconeri si rendono pericolosi con Fabio Quagliarella. Alla mezzora arriva l’episodio che decide la partita. Sulla transizione dei Rossoneri, Robinho crossa e Antonio Nocerino colpisce di testa, trovando la respinta di Isla: l’arbitro ravvisa però un tocco con la mano del centrocampista cileno e assegna il rigore, dal dischetto trasforma Robinho anche se Buffon intuisce.

Nella ripresa i campioni d’Italia inseriscono Sebastian Giovinco al posto di Fabio Quagliarella e la “Formica Atomica” si rende subito pericolosa con una rovesciata. L’occasione più nitida per il pareggio capita però a Mirko Vučinić, ma Kévin Costant respinge sulla linea il tiro del montenegrino. La Juventus, alla seconda sconfitta in campionato, rischia ora di essere avvicinata da FC Internazionale Milano e SSC Napoli; il Milan di Massimiliano Allegri, alla quinta vittoria in campionato, sale al nono posto.

All’Olimpico i Viola vanno sotto allo scadere del primo tempo trafitti da un gol dell’ex Alessio Cerci. Nella ripresa, nel quarto d’ora finale, arrivano i fuochi d’artificio. Al 74’ la Fiorentina pareggia con un rigore trasformato dall’argentino Gonzalo Rodríguez, ma i Granata tornano immediatamente avanti con un tiro-cross dello sloveno Valter Birsa. A sei minuti dalla fine è un guizzo dell’attaccante marocchino Mounir El Hamdaoui a fissare il risultato sul definitivo 2-2.

Seconda vittoria consecutiva, ancora senza gol al passivo, per la Roma. La squadra di Zdeněk Zeman, applauditissimo dal pubblico dell’Adriatico dopo la promozione della scorsa stagione, stende il Pescara con un gol in apertura di Mattia Destro, lesto sul tap-in dopo la respinta di Mattia Perin sulla punizione di Francesco Totti. I giallorossi mancano diverse opportunità per il raddoppio, ma salgono comunque a quota 23 punti e agganciano provvisoriamente al quinto posto la S.S. Lazio, in campo martedì contro l’Udinese Calcio. Per Cristiano Bergodi, subentrato in settimana al dimissionario Giovanni Stroppa, un esordio sfortunato sulla panchina degli abruzzesi.

Dopo sette ko consecutivi, l’UC Sampdoria festeggia il secondo successo di fila, piegando 1-0 a Marassi un Bologna FC che scivola al penultimo posto in classifica. L’incontro inizia in discesa per i Blucerchiati, visto che dopo cinque minuti i Felsinei di Stefano Pioli restano in inferiorità numerica per l’espulsione di Archimede Morleo. Così, al 61’, è Andrea Poli a realizzare il gol-vittoria per la squadra di Ciro Ferrara.

Termina a reti inviolate la sfida tra AC Chievo Verona e AC Siena: quello del Bentegodi è il quarto risultato utile consecutivo per i toscani di Serse Cosmi. Dopo sei sconfitte consecutive e nove turni di digiuno, ritrova i tre punti il Genoa CFC: all’Atleti Azzurri d’Italia, in casa dell’Atalanta BC, è un gran gol di Andrea Bertolacci a regalare la prima vittoria a Luigi Delneri. I Grifoni chiudono in dieci per l’espulsione del difensore Emiliano Moretti.