UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Obiettivo nazionale per Schweinsteiger

Dopo aver collezionato molto successi con il Bayern Monaco e festeggiato le 100 presenze nella Germania, il centrocampista vuole assolutamente vincere qualche trofeo con la nazionale.

Bastian Schweinsteiger festeggia la vittoria contro l'Olanda a UEFA EURO 2012
Bastian Schweinsteiger festeggia la vittoria contro l'Olanda a UEFA EURO 2012 ©Getty Images

Bastian Schweinsteiger ha vinto tutto il possibile a livello di club con l'FC Bayern München ma, ma dopo essere diventato il 12esimo giocatore tedesco a collezionare 100 presenze nella Germania, vuole assolutamente togliersi qualche soddisfazione con la nazionale.

A maggio, il centrocampista del Bayern ha terminato "l'incompiuta di una generazione" vincendo la UEFA Champions League contro il Borussia Dortmund, ma nonostante i molti trofei a livello di club (sei campionati, sei Coppe di Germania , due Supercoppe tedesche, una Supercoppa UEFA e una UEFA Champions League), la sua bacheca per quanto riguarda la nazionale è ancora vuota.

Ci è arrivato vicino, con due terzi posti in Coppa del Mondo FIFA e una finale persa contro la Spagna a UEFA EURO 2008, ma non abbastanza. L'appuntamento della prossima estate in Brasile rappresenta una vera opportunità di riscatto per la Germania di Joachim Löw, che ha messo al sicuro la qualificazione prima della gara contro la Svezia.

Dalla sua prima presenza in nazionale con Rudi Völler a 19 anni, in una gara del 2004 persa 2-0 contro l'Ungheria, Schweinsteiger ha giocato con una tenacia costante. Leader nato e "campione di livello mondiale, anche come persona" secondo il direttore sportivo Matthias Sammer, avrebbe potuto raggiungere le 100 presenze e i 23 gol in nazionale già molto tempo fa, se non fosse stato per un infortunio.

Jupp Heynckes, il tecnico che lo ha portato alla gloria con il Bayern la scorsa stagione, considera il bavarese "uno dei tre migliori centrocampisti nella storia del calcio tedesco", mentre per Löw è "un leader che vuole soprattutto il successo della squadra, mettendo in secondo piano le ambizioni personali".

Schweinsteiger dichiara che la 100esima presenza in nazionale è "un onore" ma ribadisce che è solo una piccola tappa verso la destinazione finale: "Ho ancora tanto da vincere. Ho appena compiuto 29 anni, non 36, ed è l'età perfetta dal punto di vista calcistico. Ho vinto la Champions League con il Bayern, ora voglio qualcosa con la nazionale".

Giocatori con 100 presenze nella nazionale tedesca
Lothar Matthäus – 150 partite, 23 gol (1980–2000)
Miroslav Klose – 130, 68 (2001–)
Lukas Podolski – 111, 46 (2004–)
Jürgen Klinsmann – 108, 47 (1987–1998)
Jürgen Kohler – 105, 2 (1986–1998)
Franz Beckenbauer – 103, 14 (1965–1977)
Philipp Lahm – 103, 5 (2004–)
Joachim Streich* – 102, 55 (1969–1984)
Thomas Hässler – 101, 11 (1988–2000)
Hans-Jürgen Dörner* – 100, 8 (1969–1985)
Ulf Kirsten* – 100, 35 (1985–2000)
Bastian Schweinsteiger – 100, 23 (2004–)

*Nella Germania Est