UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Missione compiuta per il Belgio

Croazia - Belgio 1-2
La squadra di Marc Wilmots stacca il biglietto per il Brasile nel Gruppo A grazie a una doppietta di Romelu Lukaku in casa della Croazia.

Romelu Lukaku festeggia dopo aver segnato il suo secondo gol a Zagabria
Romelu Lukaku festeggia dopo aver segnato il suo secondo gol a Zagabria ©AFP/Getty Images

Il Belgio si qualifica per la Coppa del Mondo FIFA in Brasile imponendosi a Zagabria contro la Croazia grazie a una doppietta di Romelu Lukaku nel primo tempo.

La Croazia, seconda in graduatoria, era l'unica squadra ancora in grado di soffiare il primo posto agli uomini di Marc Wilmots, ma solo in caso di successo allo Stadion Maksimir. I due gol segnati da Lukaku nel primo tempo, tuttavia, hanno reso vana la marcatura di Niko Kranjčar in chiusura di gara, aprendo ai padroni di casa la prospettiva degli spareggi.

Con il Belgio bisognoso di un solo punto per qualificarsi, la squadra di Igor Štimac non può che attaccare e in avvio di gara sfiora subito il vantaggio con Ivan Perišić, che però non sfrutta al meglio un bel traversone di Ivan Rakitić. Gli ospiti invece non si fanno pregare: è il 15' quando Steven Defour approfitta di un passaggio errato di Perišić per servire Lukaku, che fulmina Stipe Pletikosa.

Il portiere croato nega il raddoppio a Marouane Fellaini, ma nulla può sullo scatenato Lukaku. L'attaccante dell'Everton FC viene nuovamente servito al meglio al 38' e dopo aver percorso metà del campo in solitudine firma il 2-0.

Štimac cambia nell'intervallo, spedendo in campo Nikola Kalinić, e il nuovo entrato mette subito alla prova i rifless di Thibaut Courtois. Il Belgio, tuttavia, impedisce ai padroni di casa di rientrare in partita e la Croazia riesce ad accorciare le distanze solo all'83', quando Kranjčar firma il 2-1 sugli sviluppi di una conclusione di Kalinić non trattenuta. Ma è troppo tardi per pensare a una rimonta e il Belgio può cosi festeggiare la prima qualificazione a un grande torneo internazionale dal 2002.