L'Umeå saluta l'Europa

Duisburg, Brøndby, Everton, Apollon Limassol, Juvisy Essonne, Bardolino Verona, Rossiyanka, Breidablik e ŽNK Krka hanno superato il turno di qualificazione, sorprendente eliminazione per l'Umeå.

L'Umeå saluta l'Europa
L'Umeå saluta l'Europa ©Sportsfile

L'FCR 2001 Duisburg, già campione d'Europa, ha superato il turno di qualificazione di UEFA Women's Champions League insieme a Brøndby IF, Everton, Apollon Limassol LFC, FCF Juvisy Essonne, ASD Bardolino Verona ed FC Rossiyanka, vincitrici dei rispettivi minitornei, e a Breidablik ed ŽNK Krka, migliori seconde classificate, mentre l'Umeå IK, due volte vincitrice del torneo, è stata eliminata a sorpresa.

Le sette vincitrici dei minitornei sono state affiancate dale due seconde classificate con il miglior rendimento contro le prime e le terze dei rispettivi raggruppamenti, ma se il Breidablik - imbattuto - si è aggiudicato facilmente uno dei due posti supplementari, il Krka ha avuto ragione d'un soffio su FC NSA Sofia, Glasgow City FC e Umeå, che in passato non avevano mai fallito l'approdo ai quarti di finale.

Le nove qualificate raggiungono le 23 squadre ammesse di diritto alla fase ad eliminazione diretta, tra le quali figura l'1. FFC Turbine Potsdam campione in carica, nel sorteggio per i sedicesimi e gli ottavi di finale, in programma il 19 agosto. Per quanto riguarda il sorteggio dei sedicesimi, le squadre verranno suddivise in due gruppi da 16 - teste di serie e non teste di serie - le cui liste verranno rese note a breve. Non potranno affrontarsi fomazioni provenienti dallo stesso paese.

Gruppo 1
Il Brøndby si è assicurato la qualificazione battendo 3-0 l'NSA grazie alle reti di Lene Jensen, Emma Madsen e della subentrata Henriette Dahl. La formazione danese ha così centrato il terzo successo in altrettante gare, segnando un totale di 21 reti senza subirne nessuna. L'FC Roma Calfa ha soffiato al Gazi Üniversitesi SK il terzo posto finale in virtù di una migliore differenza reti dopo il 3-3 tra le due formazioni. Se la squadra turca non avesse subito il gol all'88', si sarebbe qualificata come migliore seconda a spese del Krka.

Gruppo 2
Qualificazione sul velluto anche per l'Everton - vittorioso 7-0 sul Gintra Universitetas  - approdato ai sedicesimi di finale con un bottino di tre vittorie e 23 reti segnate da dieci marcatrici differenti. Il Ki Klaksvík si è piazzato al terzo posto graze al successo 2-0 sullo ZFK Borec. 

Gruppo 3
Il successo 4-1 di sabato contr l'Umeå aveva regalato all'Apollon la vetta e i ciprioti padroni di casa hanno confermato il primato battendo 3-0 l'ASA Tel-Aviv grazie alle reti di Liliana Kostova, Andreea Laiu e Alexandra Iusan. L'Umeå, che nelle otto precedenti partecipazioni aveva sempre raggiunto almeno i quarti di finale, si è piazzata al secondo posto regolando 1-0 il WFC SFK 2000 Sarajevo, ma il successo non è bastato a far risultare la formazione svedese come una tra le migliori seconde. 

Gruppo 4
Il Juvisy si è aggiudicato il primo posto per differenza reti dopo aver pareggiato 3-3 contro il Breidablik, comunque qualificato come migliore seconda. Dopo il vantaggio islandese firmato da Harpa Thorsteinsdottir in avvio di gara, la formazione francese ha ribaltato il risultato nella ripresa con Julie Machart e Amelie Coquet, ma un'autorete di Manon Pourtalet ha riportato la sfida in equilibrio. La subentrata Virginie Mendes ha regalato il nuovo vantaggio al Juvisy, prima del gol del definitivo 3-3 firmato da Berglind Thorvaldsdottir. L'FCM Târgu Mureş ha conluso al terzo posto grazie al successo 2-1 sull'FC Levadia Tallinn.

Gruppo 5
Il Bardolino ha concluso in vetta battendo 4-1 il Krka, qualificato come una delle due seconde grazie a un migliore differenza reti rispetto all'NSA. La formazione veneta è arrivata all'intervallo in vantaggio 2-0 grazie alle reti di Cristiana Girelli e Melania Gabbiadini, ma dopo aver accorciato le distanze con Andreja Nikl il Krka ha puntato con convinzione al pareggio. Gli spazi concessi al contropiede del Bardolino però sono stati fatali: Alessia Tuttino e Federica Di Criscio hanno fissato il punteggio sul 4-1, ma il Bardolino non ha segnato il quinto gol, che si sarebbe rivelato fatale per le avvrsarie, escludendole dai sedicesimi di finale. Lo Swansea City Ladies AFC ha battuto 2-1 l'FC Baia Zugdidi nell'altra sfida in programma.

Gruppo 6
Il Rossiyanka si è qualificato chiudendo al primo posto grazie al successo 4-1 sul 1° Dezembro. La formazione russa ha segnato quattro gol nei primi 33' grazie a Tatiana Skotnikova, Nadezhda Kharchenko, Nompumelelo Nyandeni e Anastasia Slonova. Il St Francis FC si è piazzato al secondo posto grazie al 5-3 inflitto al WFC Osijek, rimontando dallo 0-3 contro la formazione croata.

Gruppo 7
Il Duisburg, vincitore della Coppa UEFA Femminile nel 2008, ha battuto 4-0 il Glasgow City FC, che ha visto sfumare il sogno di qualificarsi come una delle due migliori seconde. La formazione tedesca è andata a segno con Annemieke Kiesel-Griffioen, Inka Grings (doppietta) e Simone Laudehr (rigore), confermandosi al primo posto. L'ŠK Slovan Bratislava ha battuto il Newtownabbey Strikers WFC 1-0 grazie a Lenka Mravíková e si è aggiudicato il terzo posto.