UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Un mese da incorniciare per Jug

È tempo di grandi responsabilità per l'arbitro sloveno Matej Jug, designato per la la finale del Campionato Europeo Under 21 UEFA poco dopo la nascita del secondo figlio.

Un mese da incorniciare per Jug
Un mese da incorniciare per Jug ©Sportsfile

È tempo di grandi responsabilità per l'arbitro sloveno Matej Jug. Il 32enne direttore di gara è stato designato per la finale del Campionato Europeo Under 21 UEFA, in programma martedì a Gerusalemme tra Italia e Spagna, poco dopo aver festeggiato la nascita del secondo figlio Miha. Jug parla a UEFA.com del sostegno della sua famiglia e delle grandi motivazioni che gli ha dato il connazionale Damir Skomina, con cui ha collaborato a UEFA EURO 2012.

UEFA.com: congratulazioni. Come ha reagito alla notizia?

Matej Jug: naturalmente è stata una bellissima notizia, sono molto contento. È un grande onore arbitrare la finale, ma anche una grande responsabilità. L'importante è avere il sostegno della famiglia, come sempre. Negli ultimi giorni abbiamo avuto il secondo figlio, quindi è tutto ancora più speciale per me: ricorderò giugno 2013 per sempre. Sono queste le cose che ti spingono a fare sempre meglio.

UEFA.com: come ha vissuto il torneo insieme ai colleghi? Quali sono state le difficoltà principali?

Jug: al giorno d'oggi è molto importante avere una buona squadra, perché dobbiamo collaborare sia in campo che fuori; cerchiamo di individuare i punti positivi e negativi, guardare i video e analizzare le squadre per fare del nostro meglio in campo. Ora è importante prepararsi bene per la finale: il calcio di oggi è a un altissimo livello, quindi cerchiamo di studiare le squadre tatticamente e tecnicamente.

UEFA.com: quanto è stata importante la sua esperienza nei tornei giovanili e come assistente di Damir Skomina a UEFA EURO 2012?

Jug: ho arbitrato qualche partita di UEFA Europa League, ma credo che questo torneo sia il più importante dopo EURO. È una tappa fondamentale della mia carriera e mi aiuterà a raggiungere il prossimo livello. Da Damir ho imparato molto, è uno dei migliori arbitri del momento e mi dà tanti consigli. Dopo aver saputo della mia designazione si è congratulato con me; era molto contento che fosse uno sloveno ad arbitrare la finale.

UEFA.com: lei arbitrato una finale di coppa nazionale. Come ci si prepara per un big match?

Jug: per me ogni partita è uguale all'altra, a prescindere dal livello. Seguo sempre la stessa routine: l'importante è avere il proprio stile e i propri preparativi.