UEFA.com funziona meglio su altri browser
Per la migliore esperienza possibile, consigliamo Chrome, Firefox or Microsoft Edge.

Un nuovo inizio per la Spagna

Dopo il trionfo al Campionato Europeo Under 21 UEFA, la Spagna inizia un nuovo cammino verso l'edizione 2013 in veste di squadra da batttere.

Luis Milla festeggia il successo della Spagna Under 21 in Danimarca
Luis Milla festeggia il successo della Spagna Under 21 in Danimarca ©Getty Images

Dopo il trionfo al Campionato Europeo Under 21 UEFA di quest'estate, la Spagna inizia un nuovo cammino qualificazione verso l'edizione 2013 giovedì.

Mentre alcuni giocatori hanno compiuto la transizione dalla nazionale di Luis Milla a quella di Vicente del Bosque, le due gare contro la Georgia permettono a una nuova generazione di talenti di lasciare il segno.

In parte, Milla ha deciso di affidarsi ai giocatori che hanno partecipato alla Coppa del Mondo FIFA Under 20, dove sono usciti ai quarti di finale (ai rigori contro il Brasile, futuro vincitore) ma sono stati considerati la squadra di maggiore talento del torneo. Per alcuni ragazzi della squadra di Julen Lopetegui, con Milla inizia una nuova era.

"So per esperienza che è un torneo molto difficile da vincere - ha commentato Milla, che prima di arrivare in Under 21 aveva portato la squadra dei mondiali giovanili al Campionato Europeo Under 19 UEFA 2010 -. Per tutti i prossimi avversari, battere la Spagna sarà un incentivo in più. Partire bene è molto importante e sono sicuro che questo gruppo di giocatori ce la possa fare".

Il passaggio di giocatori come Thiago Alcántara, Alberto Botía, Álvaro Domínguez e Martín Montoya nella selezione di Del Bosque, dove hanno raggiunto Juan Mata e Javi Martínez, dimostra ulteriormente gli sforzi di Milla e dei suoi assistenti. Tra i nuovi talenti figurano Oriol Romeu e Sergio Canales che, alleati a veterani dell'Under 21 come David de Gea e Iker Muniain, fanno sì che la Spagna rimanga la squadra da battere.

"Quando una particolare squadra funge da riferimento per le altre, tutto il mondo vuole batterla - ha commentato Milla -. Detto questo, siamo ambiziosi e il nostro obiettivo è difendere il titolo. Abbiamo una squadra che sa competere e che è formata da ragazzi ormai affidabili. La porta rimane comunque aperta a tutti quelli che avranno qualcosa da dare".

Dopo un'estate memorabile per la Federcalcio spagnola (RFEF), con l'ulteriore vittoria del titolo Under 19 in Romania, la strada verso gli Europei 2013 in Israele può essere considerata un nuovo inizio. Tuttavia, in un girone formato da Svizzera (seconda dietro la Spagna in Danimarca), Estonia e Croazia, non c'è alcuna garanzia che il successo si ripeta.